Furto notturno nella stazione di servizio: ladri in fuga dalla polizia si schiantano contro recinzione

L'episodio in via Tatarella: nel tentativo di sfuggire agli agenti delle Volanti, i malviventi sono finiti con l'auto contro la recinzione della ferramenta 'Deodato'

In fuga dalla polizia dopo il tentato furto nella stazione di servizio, si schiantano contro un muro di recinzione. E' accaduto nella notte tra via Tatarella e l'imbocco del ponte Adriatico.

L'intervento della polizia e l'inseguimento

L'intervento degli agenti delle Volanti è scattato intorno alle 4, dopo la segnalazione di un tentativo di furto in corso presso la stazione di servizio Eni in via Tatarella. Appena giunti nel parcheggio, gli agenti hanno udito un rumore di chiusura di portiere di un'auto e hanno visto due soggetti salire velocemente a bordo di una Lancia Libra, per poi fuggire a forte velocità in direzione del Ponte Adriatico. E' quindi scattato l'inseguimento mentre, dal finestrino posteriore, i fuggitivi lanciavano contro la volante bulloni che impattavano sul parabrezza dell’auto di servizio.

incidente deodato (1)-3

Lo schianto contro la recinzione e l'arresto

Giunti alla rotatoria che conduce al Ponte Adriatico, nei pressi di Deodato, l’auto è finita contro il marciapiede della rotonda: il conducente ha sbandato perdendo il controllo e finendo sul muretto di recinzione della ditta, sfondandolo. Dalla Lancia, ormai danneggiata irrimediabilmente, sono uscite quattro persone che si sono dileguate a piedi per le campagne circostanti. Inseguiti a piedi dai poliziotti, due dei quattro sono stati bloccati e arrestati. In manette, con l'accusa di tentato furto aggravato, sono finiti due incensurati, Alex Husovic, 19enne e Zarko Ahmetovic, 18enne. Gli agenti hanno appurato che i quattro avevano effettivamente perpetrato un furto negli uffici e nel bar della stazione di servizio, forzando manualmente con una leva la serranda di ingresso. Durante la perquisizione personale, sono stati rinvenuti guanti, passamontagna e attrezzi atti allo scasso utilizzati per compiere il furto. 

sequestro volante-2

L'auto con la doppia targa

Dagli accertamenti effettuati, l'auto è risultata provvista di due targhe differenti, quella posteriore appartenente ad un’auto di cui era stato denunciato il furto presso Stazione dei CC Orta Nova (FG) il 16.07.2019, mentre quella anteriore, realmente abbinata al veicolo, come da carta di circolazione rinvenuta, è risultata intestata ad pluripregiudicato per reati contro il patrimonio. 

I rilievi sul luogo dell'incidente e le operazioni di rimozione dell'auto hanno provocato in mattinata code e rallentamenti nella zona.

*Ultimo aggiornamento 12.20

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • A Santa Caterina apre il nuovo Parco Commerciale: dal 28 febbraio l'inaugurazione dei primi maxi store

Torna su
BariToday è in caricamento