Furto notturno nel presepe a Bari vecchia, l'appello: "Riportate le statuette, così offendete la fede popolare"

A parlare è Michele Fanelli, presidente del Circolo Acli-Dalfino che ha realizzato l'opera sotto l'Arco della Neve. "Noi le rimettiamo, voi non vi arricchite"

Il presepe prima del furto

Hanno rimosso le statuette di San Giuseppe e della Madonna, i vandali che nella notte hanno preso di mira il presepe artistico sotto l'Arco della Neve a Bari vecchia. A dare notizia del furto è Michele Fanelli, presidente del circolo Acli-Dalfino, che ha realizzato a proprie spese l'opera. Disagio per l'atto che, spiega Fanelli, "è sacrilego e sembra essere stato compiuto su commissione". Un'operazione che "significa calpestare ed offendere la fede popolare, che con tanta fatica e sacrificio, si tenta di riportare in auge, e di far riappropriare il territorio della sua memoria storica e della sua gloriosa tradizione".

Nella nota viene anche lanciato un appello ai ladri:

Se non volete fare un Natale con l’ombra e la macchia nera del furto, fate il Natale della luce di Cristo, riportate le statue al loro posto, e convertiti, non potete rubare per una vita, rubare significa farsi del male a voi stessi. Noi rimettiamo altre statue, voi non vi arricchite.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Schianto con la moto alla zona industriale: muore ragazzo di 17 anni, ferito l'amico

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

Torna su
BariToday è in caricamento