Verso il G7 di maggio, monsignor Cacucci: "No alla violenza per strada"

L'arcivescovo di Bari-Bitonto interviene sul prossimo vertice dei ministri delle Finanze e dei banchieri centrali dall'11 al 13 maggio a Bari: "Le scelte delle Istituzioni avvengano attraverso il dialogo"

"Mi auguro che tutto si svolga senza violenza per le strade. Bisogna dire che, non da adesso, l'attenzione da parte delle forze dell'ordine è molto alta". Ad affermarlo, riferendosi al prossimo G7 delle Finanze dei governatori delle banche centrali, dall'11 al 13 maggio nel capoluogo pugliese, è l'arcivescovo della diocesi di Bari-Bitonto, monsignor Francesco Cacucci. Il vertice richiamerà nel capoluogo pugliese circa 400 delegati internazionali e potrebbe esserci il rischio di cortei e contestazioni. Monsignor Cacucci ribadisce la necessità di puntare maggiormente sul dialogo tra popolo e Istituzioni come condizione necessaria per la crescita: "Il dialogo - afferma - deve essere necessariamente una base su cui le Istituzioni devono fondare le loro scelte. Il dialogo è un metodo". "Io credo che il problema del mondo del lavoro aperto ai giovani - spiega Cacucci al Sir - debba trovare uno spazio anche in questo incontro che si sta per svolgere a Bari".
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • La dea bendata bacia anche Rutigliano: sbancato il gratta e vinci, fortunato si aggiudica 2 milioni di euro

  • Tenta di attraversare con le sbarre in chiusura, auto resta bloccata al passaggio a livello

Torna su
BariToday è in caricamento