Colonie di gatti sbranate da cani randagi, l'associazione Aca scrive al Prefetto: "Serve intervento urgente"

I branchi, ricorda la presidente della onlus, potrebbero diventare pericolosi anche per gli uomini. I cani sarebbero stati reimessi sul territorio da altre associazioni animaliste

Gatti randagi uccisi da branchi di cani randagi. Tante le denunce ricevute dall'associazione pro cani abbandonati in città, al punto da portare la presidente, Anna Colasante Dalfino a scrivere una lettera al prefetto per segnalare la situazione. A sterminare le colonie feline, secondo quando indicato dalla volontaria, sarebbero stati randagi rimessi in libertà dopo la sterilizzazione da altre associazioni di volontariato:

In particolare a fine Gennaio c.a è stata segnalata l uccisione di molti gatti curati dai volontari ACA presso la zona del Circolo Tennis con un unico sopravvissuto. In data 20/2 è stata segnalata l'uccisione dei gatti presenti nella zona del Campus. Nonostante tutte le segnalazioni siano state immediatamente girate alla Asl ed alla Polizia Locale,ad oggi nessuno ha provveduto né all’accalappiamento, né a fornire soluzioni serie e finalizzate all’ eliminazione del problema e a garantire l’ incolumità pubblica e degli stessi animali coinvolti.

"Serve intervento urgente"

Nella lettera di denuncia, Colasante punta il dito anche contro il Comune, colpevole a suo dire di essere "inadempiente nell’ attuazione delle norme relative alle colonie feline e delle 'gattare'". Situazione che non permette degnamente di salvaguardare il lavoro delle associazioni e che rischierebbe di mettere in pericolo anche le persone, trattandosi di "branchi formati da quattro e più cani massicci violenti ed affamati" scrive.

Da qui la richiesta di un intervento urgente a tutela degli animali e dell'incolumità pubblica: "Le sottoscritte propongono un accalappiamento presso il canile sanitario o altra struttura adeguata dove, nei 60 giorni, potranno essere rieducati,microchippati (qualora già non lo siano) e verificati sanitariamente".

Con la presente la signora Anna Colasante Dalfino in qualità di Presidente dell'Aca ( Associazioni Pro cani abbandonati) , nonché tutte le persone di seguito indica
Premesso
Che le associazioni su indicate sono portatrici dell' interesse legittimo della tutela degli animali;
Che si occupano come gattare di colonie feline sparse sul territorio della città di Bari,
Da questa estate sono pervenute numerose segnalazioni di uccisioni di gatti sbranati da branchi di cani randagi sterilizzati e reimmessi sul territorio da altre associazioni di volontariato.

Infine Le significhiamo che il Comune di Bari risulta
Tanto premesso,ravvisiamo nella situazione appena narrata sia un grave pericolo per gli altri animali ma anche per l’ incolumità pubblica in quanto trattasi di branchi ,e dall'altra l'inerzia degli Organi preposti a fronteggiare e risolvere il problema
La legge 281/91 e la l.r.12/95 permettono il reinserimento degli animali accalappiati purché siano microchippati, sterilizzati e che non abbiano precedenti segnalazioni di aggressività.
Ebbene tanto premesso le chiediamo di emettere un provvedimento di urgenza per la tutela sia degli animali ( cani e gatti) che dell'incolumità pubblica.
 

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Ferragosto 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • 5 benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • Si sente male in vacanza in Salento, ricoverata da Lecce a Bari: muore bimba di un anno

  • L'alga tossica 'invade' il litorale barese, le analisi Arpa: alte concentrazioni da Giovinazzo a San Giorgio

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • Motociclista cade sulla provinciale vicino Altamura: perde la vita centauro 39enne

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

Torna su
BariToday è in caricamento