Presunta truffa alla Multiservizi: indagato Giacomo Olivieri

Chiuse le indagini a carico dell'avvocato, ex amministratore unico della società: avrebbe nascosto il reale importo della busta paga dell'ex direttore, Oronzo Cascione, per favorirlo nei confronti di un creditore

La Procura di Bari ha chiuso le indagini per una presunta truffa a carico dell'ex amministratore unico della Multiservizi, l'avvocato Giacomo Olivieri, e dell'ex direttore della società, Oronzo Cascione.

La notizia è riportata oggi da La Gazzetta del Mezzogiorno. In particolare Olivieri - si legge nell'articolo - avrebbe nascosto il reale importo della busta paga dell'ex direttore Cascione - indicando una retribuzione inferiore a quella realmente percepita - con lo scopo di favorirlo nel "ridurre l'importo da accantonare" in favore di un creditore che aveva chiesto il pignoramento di un quinto dello stipendio. 

A far partire l'indagine era stata una querela presentata a novembre 2017 dal nuovo amministratore della Multiservizi, Francesco Biga e la vicenda aveva già portato al licenziamento di Cascione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Week-end del 14 e 15 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Non paga il parcheggiatore abusivo al molo San Nicola, ragazza trova l'auto danneggiata: "Ora basta"

  • Immobili, imprese e pizzerie a Santo Spirito e Bitonto: confiscati beni a pregiudicato

Torna su
BariToday è in caricamento