Al 'Miulli' un poliambulatorio per migranti: "Un luogo di accoglienza e cura per chi ha bisogno di assistenza primaria"

La struttura sarà inaugurata il prossimo 21 novembre e sarà aperta a coloro che non sono in possesso di un regolare permesso di soggiorno. L'iniziativa è promossa e sostenuta econonicamente dalla Caritas italiana

Nell'ospedale 'Miulli' di Acquaviva nasce un Poliambulatorio per offrire assistenza ai migranti. La struttura, promossa dalla Caritas Italiana con il sostegno dell’ARIS (Associazione Religiosa Istituti Socio Sanitari), sarà inaugurata ufficialmente il prossimo 21 novembre.

Il poliambulatorio sarà "un luogo di accoglienza e cura per coloro che non sono in possesso di un regolare permesso di soggiorno e che necessitano di primaria assistenza sanitaria", si legge in una nota che annuncia l'iniziativa, che "si avvarrà della collaborazione volontaria di tutto il personale medico e infermieristico dell’Ospedale Miulli nonché di tutti coloro che vorranno dare la propria disponibilità". 

"Contestualmente all’inaugurazione del reparto per paganti e convenzionati, l’apertura del Poliambulatorio - spiega ancora la nota dell'ente ecclesiastico - rappresenta un atto dovuto nei confronti del prossimo in situazione di estremo disagio, ma è anche indirettamente un’operazione di tutela della salute e dei cittadini italiani. L’erogazione dell’assistenza sanitaria – anche al di fuori delle prestazioni d’urgenza garantite dal Pronto Soccorso – a coloro che arrivano nel nostro paese da altri continenti permette infatti di avere il termometro del possibile aumento di casi di malattie ritenute scomparse dal territorio nazionale".

L’ambulatorio sarà aperto ogni martedì pomeriggio dalle ore 17,30 alle 20,30. I costi relativi all'iniziativa saranno sostenuti dalla Caritas Italiana, "dunque non peseranno in nessun modo sulla contribuzione pubblica".

L'inaugurazione della struttura, fissata per il 21 novembre alle ore 14.30, sarà seguita da un convegno dal tema “Responsabilità professionale e risk management nella sanità. Cosa cambia con la ‘Legge Gelli’?”, un momento di approfondimento sulla Legge n. 24, presentata da Federico Gelli alla Camera e da Amedeo Bianco al Senato e approvata l’8 marzo 2017. Fra i relatori del convegno del Miulli sarà presente proprio l’onorevole Federico Gelli.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • Traffico di droga, blitz della polizia: smantellata organizzazione transnazionale italo-albanese

Torna su
BariToday è in caricamento