Cassonetti dati alle fiamme in centro, dopo gli incendi Amiu ripulisce. Responsabile individuata dalla polizia: è una donna

Dopo gli episodi verificatisi due notti fa, l'azienda ha provveduto a rimuovere i contenitori distrutti ripulendo le strade. L'autrice degli incendi è stata identificata dalla polizia: è una donna di 36 anni

Al lavoro per ripulire le strade dai resti dei cassonetti incendiati due notti fa tra Madonnella e il murattiano e sostituire i contenitori. Nelle scorse ore gli operatori Amiu sono entrati in azione per rimediare ai danni provocati dagli incendi. "Fa davvero rabbia dover fare questi interventi, impegnare mezzi e personale per risanare i danni provocati da qualche delinquente", commenta l'azienda attraverso la propria pagina Facebook.

Responsabile individuata dalla polizia: è una donna di 36 anni

Intanto, nel giro di 24 ore dai fatti, già nella serata di ieri, la polizia ha individuato la responsabile degli atti vandalici. Si tratta di una donna di 36 anni, residente in provincia di Bari, identificata anche grazie alle immagini registrate dalle telecamere installate nella zona. Grazie all’ausilio dei sistemi di video sorveglianza pubblici e di esercizi commerciali - attualmente ancora in fase di analisi - e ricostruendo i movimenti sui vari percorsi in cui sono collocati i cassonetti, gli investigatori della Sezione Reati contro il patrimonio e la pubblica amministrazione della Squadra Mobile, dopo i primi accertamenti svolti nell'immediato dalle Volanti, hanno accertato la responsabilità degli insani gesti a carico di una donna di 36 anni, originaria della provincia, già resasi autrice nei giorni precedenti di analogo reato in un comune limitrofo. La ragazza, che ha agito senza complici, senza un’apparente motivazione e presumibilmente per sola mania di protagonismo, ha confessato di esser giunta a Bari alcune prima ed aver girovagato senza meta tra le strade del centro; non appena si accorgeva di stazionare in luoghi appartati e non affollati, utilizzava due accendini portati al seguito ed iniziava a dare le fiamme ai rifiuti in carta e cartone, accertandosi che effettivamente provocasse l’incendio nel relativo bidone, per poi allontanarsi a piedi in direzione di altre piazzole destinate al conferimento della spazzatura differenziata e ripetere gli stessi folli atti. La donna è stata denunciata a piede libero alla Procura della Repubblica per i delitti di danneggiamento seguito da incendio ed interruzione di pubblico servizio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ladri in casa nel cuore della notte (con i proprietari dentro): è allarme furti nel Barese

  • Giovane mamma morta dissanguata dopo l'urto contro una vetrata: chiesto processo per il compagno

  • Apre il nuovo 'sottopasso giallo' di Bari Centrale: più largo, con ascensori e aperto anche alle bici

  • Il pollo fritto del Kfc arriva a Bari: lavori in corso per il nuovo ristorante della Stazione Centrale

  • Via gli pneumatici, le auto parcheggiate finiscono 'sospese' sui sassi: ladri in azione a Bari

  • Stipendi in ritardo e negozio a rischio chiusura, lavoratori di Centro Convenienza in protesta: futuro incerto per 15 dipendenti

Torna su
BariToday è in caricamento