Dalla lotta al degrado alla sicurezza stradale, il 2019 della Polizia locale: meno incidenti alla guida, ma i baresi restano indisciplinati

Presentato il report delle attività dello scorso: migliaia di sanzioni per errato conferimento dei rifiuti e mancata differenziata, la maggior parte delle infrazioni al Codice della strada per guida senza cinture e uso del cellulare

Foto Pasquale Mastrandrea

L'impegno sul fronte della sicurezza stradale, la lotta al degrado ambientale, i controlli sulle attività commerciali e sulle strutture ricettive. Sono solo alcuni dei campi di azione della Polizia locale, che alla vigilia della festa di San Sebastiano, santo patrono del Corpo, traccia un bilancio delle attività svolte nel 2019. Un lungo e articolato report, da cui emergono aspetti interessanti che forniscono uno 'spaccato' sulla città e sui comportamenti baresi.

Incidenti e violazioni al codice della strada

Come nel caso dei numeri che riguardano gli incidenti stradali e le infrazioni al codice della strada. Nel 2019, i sinistri complessivamente rilevati sono stati in leggero calo (2850 contro i 2917 dell'anno precedente), mentre si sono praticamente dimezzati quelli con esito mortale: 15 nel 2018, 7 lo scorso anno. Eppure i baresi alla guida restano indisciplinati: delle 233mila infrazioni al codice della strada, la maggior parte sono ste per mancato uso delle cinture (oltre 7mila) e per l'uso del cellulare alla guida (3.376), un dato in aumento rispetto all'anno precedente.

I numeri di 'Bari per Bene' e 'Nucleo Antidegrado'

Per quanto riguarda il fronte della lotta al degrado ambientale, migliaia sono state, tra il programma 'Bari per bene' e le attività del Nucleo Antidegrado, le sanzioni (oltre 3.500 solo quelle elevate per errato conferimento dei rifiuti e mancata raccolta differenziata), a cui si sommano circa un centinaio di verbali di accertamento per deposito di rifiuti ingombranti sulla sede stradale e gli oltre mille per smaltimento rifiuti da parte di persone non residenti nel territorio comunale. In diminuzione invece, come sottolineato dallo stesso comandante della Polizia locale Michele Palumbo, il numero di cittadini sanzionati per aver gettato per terra gomme, cicche di sigarette o fazzolettini.

I controlli su attività commerciali e strutture ricettive

Tra le altre attività, figurano 246 accertamenti sugli alloggi popolari per conto della Ripartizione E.R.P. e I.A.C.P, con 32 alloggi popolari recuperati, e i controlli su attività commerciali e strutture ricettive: in questi due settori, le violazioni accertate sono aumentate rispettivamente del 31% e dell'11%.

Per quanto riguarda la 'geografia' delle sanzioni, con particolare riferimento ai quartieri centrali, sono state 33898 nel Libertà, 20677 a Madonnella, 14.231 nel quartiere San Nicola/Bari vecchia, mentre il 'primato' spetta al Murattiano con 53500 sanzioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ero a fare le pelose" sul lungomare: scatta multa da 3mila euro. A Bari oltre 300 persone in quarantena

  • Stroncato dal coronavirus a 44 anni: l'addio di amici e colleghi per Luca Tarquinio Coletta, 'gigante buono' della Multiservizi

  • Nonno contagiato dal Coronavirus al San Paolo: in sette vivevano nell'appartamento da 60mq

  • Muore medico barese contagiato dal coronavirus: è la terza vittima in Puglia tra gli operatori sanitari

  • "I non residenti lascino casa per i controlli", nei condomini di Bari numerosi manifesti truffa: indaga la Polizia

  • Genitori ricoverati per coronavirus, due adolescenti in quarantena soli a casa: l'aiuto di Carabinieri, parenti, amici e Comune

Torna su
BariToday è in caricamento