Incinta e malata di tumore: Angela Bianco operata con successo in Grecia

La ragazza campana sarebbe stata sottoposta a un intervento in una clinica privata ellenica dove è presente il cyberknife, sofisticato macchinario non utilizzabile in Puglia per questioni burocratiche

Redazione 28 ottobre 2013
8

Sarebbe perfettamente riuscito, in un ospedale privato ad Atene, l'intervento su Angela Bianco, la ragazza campana al quinto mese di gravidanza in lotta contro un tumore al cervello. Nella clinica greca, sarebbe stata sottoposta al cyberknife, il sofisticato strumento per eliminare la massa tumorale dal capo. La 26enne, ricoverata nei giorni scorsi a Bari, avrebbe preferito lasciare la struttura pugliese per l'impossibilità, da parte dei medici, di utilizzare il macchinario presente nella clinica Mater Dei, a causa della mancanza di autorizzazioni regionali.

Annuncio promozionale

Il cyberknife, infatti, attraverso un irradiamento mirato, colpisce solo le cellule tumorali, tralasciando quelle sane, consentendo nel suo caso il normale proseguimento della gravidanza. Inizialmente, Angela aveva smentito di essere volata in Grecia per l'operazione. Nei giorni c'erano state diverse polemiche sulle lungaggini burocratiche che fino ad ora avrebbero impedito l'utilizzo del cyberknife anche nella clinica barese.  

Angela Bianco
angela bianco
grecia
sanità

8 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di Esther

    Esther La Puglia ha perso un'opportunità, la vita è troppo preziosa e non può aspettare la lungaggine della burocrazia, in Italia tutto è lento, burocratico,a meno che ci devono fare prelievi retroattivi sulle pensioni,buste paghe e aumentare le tasse allora si che sono velocissimi

    il 13 novembre del 2013
  • Avatar anonimo di Antonella

    Antonella Non capisco perché in Grecia, in Italia ci sono altri centri

    il 29 ottobre del 2013
  • Avatar anonimo di Sisybia

    Sisybia Un grande ringraziamento alla Grecia... La burocrazia italiana e le case farmaceutiche italiane pongono limiti al benessere degli italiani propinando costosi, inutili e nocivi prodotti farmaceutici e trattamenti. € 3.800,00 chiesti per un intervento di chirurgia plastica a causa di una patologia orfana di cura, per le inadempienze degli enti pubblici. Vergogna !!!

    il 29 ottobre del 2013
  • Avatar di emilio vitucci

    emilio vitucci QUELLO che e' successo con la Grecia disastrata che salva una pugliese con lo stesso macchinario che una clinica convenzionata del gruppo cbh sanita' privata non ha saputo o voluto fare la dice lunga sulla sanita' in puglia e sul nostro poeta a capo ancora per poco della regione,a furia di poesie si puo' anche morire per fortuna della signora ci ha pensato la Grecia che vergogna deprimente!

    il 28 ottobre del 2013
  • Avatar di mike

    mike Il coraggio e la voglia di vivere, unita alla speranza di una madre di poter mettere al mondo la sua creatura, sono state premiate! E' un motivo di gioia per tutti noi cittadini di questa Puglia, ma è anche un motivo di vergogna per alcuni politici di questa che è stata definita e proclamata per anni la "Puglia migliore"! Il caso di Angela, se mai ve ne fosse ancora bisogna, fa gettare la maschera ad un sistema regionale della Sanita' indegno di questo nome. Se la speranza viene data dalla Grecia...Viva la tanto bistrattata Grecia!

    il 28 ottobre del 2013
  • Avatar anonimo di KETTY CASTELLANETA

    KETTY CASTELLANETA vergogna ! assassini e ladroni ...

    il 28 ottobre del 2013
  • Avatar anonimo di Fabio

    Fabio Tralasciando la pessima figura fatta davanti l'Italia tutta, ma anche in Europa, sono felice che la donna abbia potuto effettuare tale procedura interventistica e le auguro di guarire e portare a termine il suo progetto di vita. Come mi auguro che questi politici vogliano gentilmente dimettersi.

    il 28 ottobre del 2013
  • Avatar anonimo di Mimmo

    Mimmo Orgoglioso di essere cittadino pugliese e di avere come amministratori della sanità persone come l'assessore gentile. Un ringraziamento particolare al suo capo vendola. Da libero cittadino vorrei esprimere il mio parere: DIMETTETEVI.

    il 28 ottobre del 2013