Japigia: ritrovato un fucile nell'impianto di depurazione dell'Acquedotto

L'arma, un fucile semiautomatico calibro 7.65, era stata smontata e avvolta in un bustone di cellophane che ostruiva il flusso di depurazione. Ad accorgersi dellla presenza dell'oggetto sono stati i dipendenti dell'impianto, che hanno poi avvertito i carabinieri

Singolare ritrovamento ieri sera nell'impianto di depurazione delle acque reflue dell'Acquedotto Pugliese, in strada Santa Teresa al quartiere Japigia. I carabinieri, allertati dai dipendenti dell'impianto, hanno recuperato un fucile semiautomatico calibro 7.65. L'arma era stata smontata e avvolta in una grande busta di plastica e abbandonata in una delle vasche dell'impianto. Ad accorgersi dell'oggetto sono stati proprio i dipendenti di turno nella struttura, poichè la busta ostruiva in parte il flusso il depurazione. I carabinieri intervenuti sul posto hanno recuperato l'arma, che sarà esaminata dalla Sezione investigazioni scientifiche per verifiche sulla provenienza e per accertare se sia stato usata in recenti episodi di sangue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Maltempo in arrivo e allerta arancione sul Barese: scuole chiuse in alcuni Comuni

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

Torna su
BariToday è in caricamento