Japigia, il giardino 'off-limits': cancelli sbarrati, si entra solo dai cespugli

Lo strano caso del parco giochi di via Caldarola, accanto al distributore Eni: inaugurato a fine ottobre 2013 è ancora senza guardiania. Per entrare nella struttura, mamme e bimbi con i passeggini devono scavalcare alcune siepi

L'ingegno è più forte anche della burocrazia, ma non può cancellare le situazioni più grottesche. E' il caso del giardino di via Caldarola, accanto alla stazione di servizio dell'Eni: il piccolo ma funzionale parco giochi, finanziato con i fondi del Pirp regionale, la cui manutenzione è assicurata proprio dalla multinazionale dell'energia, venne inaugurato il 28 ottobre 2013, ma da allora il cancello d'ingresso è rimasto curiosamente sbarrato.

Per entrarci, genitori, bambini e anziani, sono costretti a passare per la recinzione fatta da arbusti e piccole siepi: "Per fortuna sono basse - racconta una giovane mamma con la sua bimba -  altrimenti non sapremmo come fare. Non possiamo però continuare così". Le 'entrate', se così possono essere chiamate, sono 3, dislocate attorno al perimetro del parco, una delle quali leggermente più grande, dalla quale, spesso, capita di vedere anziani in difficoltà o in carrozzina, disposti a rischiare la propria incolumità pur di godersi il giardino.

giardino via Caldarola-2

Con l'arrivo della bella stagione l'affluenza e i disagi aumenteranno: "La domenica - racconta un'altra mamma - qui è pieno di bambini e famiglie" che, non possono entrare normalmente da un cancello. Il problema non sembra, quanto meno, di immediata soluzione: "Dall'inaugurazione - fa sapere il presidente della V Circoscrizione, Gianfranco D'Amore - non abbiamo ancora ricevuto l'affidamento del giardino dal settore Patrimonio del Comune. Bisognerebbe anche affidare il servizio di sorveglianza con un bando e su questo speriamo, entro fine mese, di poter accelerare le procedure di assegnazione".

Stesso discorso anche per i locali del piccolo edificio all'interno del giardino, non ancora assegnati e al momento vuoti. Questione di settimane o mesi? Il tempo stringe, anche perchè il 10 aprile scadrà il mandato della Circoscrizione che verrà, poi, inglobata nel mega-municipio comprendente anche Libertà, Murat, San Nicola e Madonnella. Più che attendere la burocrazia, dunque, basterebbe forse un briciolo di buon senso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Urtano un'auto in via Amendola, finti poliziotti scendono e rubano denaro a un ragazzo: fuga da Bari a Mola, inseguiti e arrestati

  • Da giorni con il mal di gola, chiama i soccorsi ma non viene ricoverata: muore donna. Aperta un'inchiesta

  • Blitz in un negozio cinese all'ingrosso di Bari: sequestrati 100mila euro di prodotti 'Apple' e 'Samsung' taroccati

  • Problema in volo sull'aereo Bari-Milano, il carrello non risponde ai comandi e il pilota fa dietrofront: atterraggio ok

  • Incidente a Bari, schianto all'incrocio: auto finisce fuori strada e abbatte semaforo

  • Fuga da film alle porte di Bari, inseguiti dai carabinieri dopo un furto a Casamassima si schiantano con l'auto: presi

Torna su
BariToday è in caricamento