Apprendistato tecnologico, al Redentore apre laboratorio di domotica

Inaugurata la struttura realizzata da Cnos-Fab Salesiani in collaborazione con la multinazionale Schneider Electric: 18 postazioni per corsi di formazione destinati a ragazzi e aziende del territorio

L'arte di insegnare un mestiere si rinnova, aprendosi alle tendenze tecnologiche più avanzate, con un sguardo lungo, orientato a dare un lavoro in linea con i tempi. Su queste basi è nata la collaborazione tra il Cnos-Fab (Centro nazionale opere salesiane, Formazione aggiornamento professionale) Redentore di Bari e l'azienda multinazionale Schneider Electric, con l'apertura di un nuovissimo laboratorio per progettare dispositivi utilizzabili nella domotica, l'ultima frontiera dell'interazione tecnologica abbinata alla gestione della propria casa. App intelligenti per regolare con smartphone e tablet termosifoni, elettrodomestici, sistemi antifurto: sono alcuni dei dispositivi che i ragazzi potranno analizzare e creare, con il supporto tecnico di Schneider e docenti qualificati.

"Nell'ambito del progetto, siamo l'unica struttura del Sud - commenta Giuseppe De Pascalis, direttore del Cnos-Fab di Bari - dove è presente questo tipo di laboratorio" inaugurato sabato scorso alla presenza delle autorità, tra cui il sindaco di Bari, Antonio Decaro e il candidato presidente della Regione per il centrosinistra, Michele Emiliano. Una grande aula con diciotto postazioni con pannelli e attrezzature per esercitazioni e programmazione: "Nelle prossime settimane - afferma De Pascalis - intendiamo stipulare accordi con aziende presenti a Bari, in modo da avviare anche corsi di aggiornamento all'interno delle imprese" per conseguire certificazioni professionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto dipenderà anche dai bandi regionali e istituzionali, che spesso offrono possibilità a poche persone, rispetto alla sempre più vasta platea di chi preferisce imparare, sul campo un lavoro, piuttosto che andare a scuola: "Il nostro compito - dice De Pascalis - non è stato molto agevolato dalla Regione, negli ultimi tempi, essendovi stati pochi bandi nel settore della formazione professionale. In ogni caso abbiamo potuto operare in svariati settori, dalla meccanica, a quello industriale, senza tralasciare turismo e assistenza sanitaria. Il nostro centro di formazione nel quartiere Libertà, è uno dei più fiorenti in Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si chiama ''1997 BQ'' ed è il gigantesco asteroide in avvicinamento alla Terra

  • Incidente mortale sulla SS100: impatto camion-auto, strada chiusa al traffico

  • In Puglia 27 nuovi casi di Coronavirus, Lopalco rassicura sull'impennata dei contagi: "Numeri riferiti a periodi precedenti"

  • Le Frecce Tricolori tornano a Bari: il 28 maggio tappa del 'Giro d'Italia' per le vittime del Covid-19

  • Bollettino Coronavirus, 10 nuovi casi in Puglia: nessun nuovo positivo o decesso nel Barese

  • Sette grandi personalità per far ripartire la Puglia: è il gruppo strategico nominato da Michele Emiliano

Torna su
BariToday è in caricamento