Tre milioni di euro per il lavoro dei giovani: in arrivo due nuovi bandi del Comune di Bari

Presentate Ba29 e Urbis, le iniziative rivolte anche ai nuclei familiari più svantaggiati. Decaro: "Probabilmente il più grande investimento sul futuro della nostra comunità che la città di Bari abbia mai fatto"

Due progetti da complessivi 2,9 milioni di euro per rilanciare il lavoro, la creatività e l'occupazione, in particolare quella giovanile: il Comune di Bari ha presentato Ba29 e Urbis, le nuove misure finanziate da Pon Metro per sostenere l'ingresso nel mondo lavorativo dei ragazzi, anche in difficoltà economiche. Le iniziative sono state illustrate negli spazi dell'Officina degli Esordi dal sindaco Antonio Decaro e dall'assessore alle Politiche del Lavoro, Paola Romano.

Il progetto Ba29

Ba29, finanziata con 1,9 milioni di euro, si rivolge alla fascia 16-29 anni e coinvolgerà 600 giovani disoccupati o sottocupati provenienti da nuclei familiari in condizioni di fragilità, ovvero con un reddito Isee gino a 6000 euro annui: si tratta di tirocini della durata di sei mesi retribuiti con 450 euro lordi al mese. Nei prossimi giorni il Comune pubblicherà due bandi, uno rivolto alle realtà ospitanti (aziende, fondazioni, associazioni) affinché possano presentare i percorsi di tirocinio aperti ai giovani, l’altro destinato ai giovani residenti nel Comune di Bari che potranno indicare le attitudini e gli ambiti prescelti per il percorso di tirocinio retribuito. Le domande di partecipazione potranno essere inviate dal 15 marzo

Il bando Urbis

L'iniziativa, de valore complessivo di 1 milione di euro, ha l'obiettivo di creare nuove realtà sociali di prossimità nei quartieri semiperiferici e periferici. Attraverso l’attribuzione di un sostegno del valore compreso tra 15.000 e 35.000 euro, le realtà sociali già operative sui quartieri individuati, come pure i gruppi informali giovanili, potranno creare nuovi servizi nel campo della cultura, dell’educazione, della mobilità, del turismo dell’assistenza agli anziani o ai bambini. Ad esempio sarà possibile finanziare azioni di mutuo-aiuto, portierato di quartiere, presidi enogastronomici multietnici, recupero di materiale elettronico dismesso a fini sociali, banche del tempo, ciclofficine, attività di inclusione attiva per individui svantaggiati, esperienze di recupero di nuovi spazi come quelle sperimentate dai giovani di San Pio attraverso il laboratorio cantiere. Tutti interventi accomunati dall’obiettivo di sostenere i bisogni sociali esistenti e non soddisfatti. Il bando sarà pubblicato entro febbraio; le domande potranno essere inviate a partire dal 15 maggio.

Decaro: "Giornata dedicata al futuro"

“Oggi è la giornata dedicata al futuro - ha dichiarato Antonio Decaro -: prima sono stato al congresso nazionale dell’ordine degli architetti per parlare della città del futuro, adesso sono qui a parlarvi del futuro della città, i nostri ragazzi. Il nostro compito è contribuire a costruire quel futuro, accompagnando e sostenendo le loro scelte oggi. Quello che vi presentiamo è forse il più grande investimento sul futuro della nostra comunità che la città di Bari abbia mai fatto. Sono quasi 3 milioni di euro che vogliamo investire sui talenti di questa terra. Abbiamo scelto di presentarvi il nuovo programma del Comune sui giovani e l’attivazione sociale qui all’Officina degli Esordi perché questo contenitore sintetizza simbolicamente un pezzo importante della nostra strategia: insiste sul quartiere Libertà, che è per l’amministrazione un quartiere target di riqualificazione socio-culturale e di rigenerazione urbana, rappresenta una buona pratica di riuso e dimostra come anche da un ex autosilo si possa ricavare uno spazio sociale e culturale dove i talenti si possono esprimere e rappresenta un presidio di legalità e di socialità giovanile su un quartiere che ha una forte esigenza di spazi di aggregazione, di riconoscimento, di comunità.  

Romano: "Iniziative frutto di dialogo condiviso"

“Si tratta di due misure del più ampio Piano sull’attivazione lavorativa e l’innovazione sociale del Comune di Bari partito a fine 2014 con l’apertura di Porta Futuro e l’avvio dei Cantieri di Cittadinanza - ha sottolineato Paola Romano -. Le due linee d’azione che presentiamo oggi, in particolare, sono il frutto di un dialogo intenso e costruttivo con il partenariato economico e sociale nell’ambito del tavolo metropolitano del lavoro, dove si è condivisa la necessità di investire prevalentemente sui ragazzi e le ragazze della città partendo da quanti provengono da contesti familiari segnati dal disagio economico. BA29, riprendendo l’esperienza positiva dei Cantieri, ha l’obiettivo di aiutare i giovani a fare esperienza diretta del mondo del lavoro all’interno del tessuto imprenditivo locale, con cui abbiamo già dialogato e che continueremo a sensibilizzare, in particolare negli ambiti con un alto tasso di innovazione e che per ciò stesso hanno una maggiore probabilità di conversione dei tirocini in contratti di lavoro.

Potrebbe interessarti

  • Estate 2019 tra cibo e cultura: sagre, festival e manifestazioni di Bari e provincia

  • Spaghettata di San Giovanni: tradizione e semplicità in pochi ingredienti

  • Bari Wireless: come navigare gratuitamente su Internet con un proprio PC portatile o smartphone

  • Menta, pepe di Cayenna, aglio e altri rimedi naturali per allontanare le formiche

I più letti della settimana

  • Alimenti sequestrati in due ristoranti di Polignano, le scuse di Grotta Palazzese: "Errore involontario"

  • Si avvicina all'auto e tenta di portar via un bimbo di 5 anni: bloccato dai carabinieri

  • Dopo il bagno a Pane e Pomodoro, la brutta sorpresa: "Sparita la borsetta con soldi e cellulare"

  • Da Bari a Savona con camera da letto, pensili e bici sul tetto dell'auto: fermato automobilista nel Modenese

  • Scontro sulla statale 16: quattro veicoli coinvolti, traffico rallentato in direzione sud

  • Pesce senza tracciabilità e prodotti scaduti: sequestri in due ristoranti a Polignano

Torna su
BariToday è in caricamento