giovedì, 17 aprile 12℃

Libertà: a luglio il nuovo parco intitolato a Mimmo Bucci

Tra quattro mesi sarà inaugurata la nuova area verde del quartiere, in via De Bernardis, intitolata al musicista scomparso in un tragico incidente nel 2007. Stamattina il sopralluogo dell'assessore Lacarra: "Opere a buon punto". Il progetto da 1,2 milioni, prevede sale lettura, zona ristoro, aree ludiche e sportive e centro per anziani

Antonella Fazio 1 marzo 2012
3
A luglio, il cuore del quartiere Libertà avrà il suo nuovo polmone verde. La certezza sui tempi, salvo complicazioni ovviamente, è arrivata stamattina direttamente dall'assessore comunale alle Opere Pubbliche Marco Lacarra che, con tecnici e ingegneri al seguito, ha fatto il primo sopralluogo sul cantiere di Parco De Bernardis.
L'area, ripresa a settembre scorso dopo decenni di abbandono e incuria, sarà intitolata, come deciso un paio di mesi fa, al musicista Mimmo Bucci, da sempre anima del quartiere e tragica vittima, nel maggio 2007, di un incidente stradale sul lungomare di Bari.

I lavori, come accertato dal delegato di Emiliano, sono a buon punto: "Tutto procede bene. E' stato fatto il movimento terra e gli scavi necessari per ospitare le opere che successivamente andremo a realizzare". E allora, quali sono le opere? Stando al progetto originario da 1,2 milioni di euro, si prevede prima di tutto, un grande giardino con relativo percorso attrezzato che lo attraversa da via De Bernardis a via Don Bosco. Saranno installate sedute in pietra con spalliera, sarà costruita una galleria con sale lettura, fontana a cascata, una piccola zona ristoro con copertura trasparente a sbalzo, e due diverse aree ludiche e sportive per i più piccoli tra i 2 e gli 8 anni e tra i 9 e i 16 anni.

Insomma, un vero e proprio parco su 2500 metri quadri in grado di soddisfare anche le esigenze dei più 'grandi' con la realizzazione di un centro per anziani. E tanta ombra con zone relax sotto i lecci, i platani e le canfore che costituiranno l'arredo verde. Poi ancora cespugli fioriti e leggeri movimenti di terra per creare piccoli dislivelli a effetto.
Cercare di spiare i lavori, da via De Bernardis, ora è ancora difficilissimo: i tecnici, in questa 'fase uno' del progetto, hanno preferito lasciare la recinzione in muratura e i pannelli metallici per evitare furti o atti vandalici. Ma questo 'muro' cadrà nel momento in cui i lavori finiranno, a luglio prossimo, ma il parco sarà comunque custodito e recintato. Anche la zona esterna del marciapiede subirà un restyling con alberi e nuova pavimentazione.

Annuncio promozionale

Libertà
opere pubbliche
quartieri

3 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di Gabriele Piscitelli

    Gabriele Piscitelli Una Delibera dovrebbe avere racchiuso in essa  un inizio, un perfezionamento è,  una fine 
     Letto il commento del  sig. Luigi Cipriani . Tanto per diritto di comunicazioni. "Anno 1997. Aticolo Riportato su un giornale .  A. B. e L. C. Consiglieri Comunali. Non citando  nel presente commento la sede Comunale in riferimento all'Articolo di cui hanno fatto i Consiglieri sopra citati, Tanto per ricevere il ben Merito. Tanto per fare una  giusta notizia???  Si evidenzia. La Delibera del Giardino ". M. B." e in fase di realizzazione. L'Articolo riportato dal sig. A.B. e del sig. L.C.  Si domanda come Lettore. Che seguito a avuto,  e stata fatta sucessivamente all'Articolo, una interrogazione in  Consiglio Comunale. in merito alla normativa 241/1990 e al dlg. 626/94. Grazie

    l' 8 marzo del 2012
  • Avatar di redazione baritoday

    redazione baritoday Gentili lettori, siamo stati costretti a cancellare alcuni commenti inseriti perchè offensivi e non pertinenti all'argomento dell'articolo. I commenti sul nostro giornale sono aperti a tutti e sono sempre ben accetti, purchè si mantenga un linguaggio corretto e non offensivo. Siamo certi che vorrete rispettare queste regole e ci auguriamo che continuiate a seguirci e a non farci mancare i vostri interventi. Grazie.

    La redazione di Bari Today

    il 3 marzo del 2012
  • Avatar di Luigi Cipriani

    Luigi Cipriani Non vogliamo medaglie ma per una giusta e corretta informazione detta opera è stata voluta e combattuta da Luigi e Michele Cipriani. L'Assessore Lacarra è uno dei Consiglieri Comunali che si allontano dall'aula per votare la variante da area a servizi per il quartiere ad area a verde. Inoltre la vera petizione datata sett. 2001 è in nostro possesso unitamente ai 10 anni di battaglia per la realizzazione dell'opera. Ricordo che in più circostanze il Consigliere Comunale Luigi Cipriani ha occupato per protesta l'aula Consiliare. Inoltre grazie ad un emendamento a firma di Luigi Cipriani e del Consiliere G.ppe Loiacono furono individuati e messi in bilancio le somme necessarie ad inserire l'opera nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche. Per una corretta informazione si precisa che TUTTA la storia che va dal 2001 ad oggi è in nostro possesso a disposizione di chiunque ass. Lacarra compreso affinchè divulghi informazioni attinenti alla VERITA' e correttezza istituzionale. Grazie dell'atenzione. Luigi Cipriani

    il 2 marzo del 2012