Libertà: ex Manifattura Tabacchi, la sporcizia regna sovrana

I venditori che operano all'interno della struttura coperta di via Nicolai lamentano la scarsa igiene pubblica. A questi si aggiungono i vetri rotti, le mattonelle divelte e le coperture non adeguate

L'interno dell'ex Manifattura Tabacchi

E’ un problema che si ripete periodicamente quello della scarsa igiene all’interno della ex manifattura tabacchi di Bari. La struttura, che oggi ospita il mercato di via Nicolai, si trova in una situazione particolare: erbacce alte, ragnatele vicino alle luci d’illuminazione, pavimenti sconnessi, cartoni abbandonati negli angoli, muri scrostati e sporchi, finestre con vetri rotti e zone di copertura con plexiglass distrutti. “Non possiamo lavorare così”, interviene un commerciante di frutta e verdura che da anni ha la bancarella proprio lì. “Quando veniamo da aprire la mattina, non troviamo tutto pulito. Spesso i viali li dobbiamo ripulire noi”. Per non parlare, poi, del freddo di questi giorni: “Alcune finestre sono rotte. Entra il gelo di questi giorni e siamo obbligati a coprirci più del dovuto per lavorare”. E le grate per terra? “Alcune – ci fanno notare – sono divelte e gli utenti, spesso anziani, rischiano costantemente di cadere”.

Insomma, a quanto pare, il problema non è solo per la parte interna dell’edificio. Anche fuori, nel cortile, le condizioni non migliorano. Qui ci sono mattonelle sconnesse, come i cartoni abbandonati nel piccolo giardino che, però, ha le erbacce alte. “Siamo noi - irrompe un’altra venditrice – a cercare di tenere le cose in ordine”. Allora chiediamo: ma gli operatori ecologici del Comune, vengono? “Si, vengono ma le operazioni non sono fatte proprio bene. Resta sempre qualcosa che non è stato fatto”. Ci siamo spostati, poi, nella zona esterna del mercato, dove ci sono gli stand fissi dei venditori di pesce. “Qui noi, ogni giorno, scarichiamo sul pavimento litri e litri di varechina, perché a noi piace tener pulito”. Ma chi di dovere non opera? “Si, ma è sempre una pulizia superficiale”. Il punto, quindi, non è che gli operatori addetti alle pulizie non vanno all’ex manifattura. Il punto è che “non si agisce come si dovrebbe fare”. Le zone, invece, che separano le parti ‘vissute’ della struttura da quelle non utilizzate, sono divise da lamiere “dove chiunque, qualora queste cadano, potrebbe farsi male”, ci dice un altro venditore.

Insomma, la situazione resta critica. E l’appello che lanciano i venditori nei confronti dell’Amministrazione comunale è un vero e proprio ‘S.o.s.’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

  • La protesta dei 'gilet arancioni' in piazza Prefettura a Bari : "Il governo deve andare a casa"

Torna su
BariToday è in caricamento