Al quartiere Libertà arriva la "giornata della Cooperazione"

Presentati oggi gli eventi promossi nell'ambito di Finis Terrae, il progetto per la riqualificazione socio-culturale del quartiere. Si comincia domani con la manifestazione organizzata da Legacoop Puglia

Far rivivere piazza Risorgimento e via Manzoni, rilanciare il quartiere Libertà attraverso una serie di iniziative di carattere socio-culturale: è questo l'obiettivo del progetto Finis Terrae,  realizzato con il sostegno di Fondazione con il sud. Le prime iniziative in programma sono state presentate oggi  in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente dell'VIII Circoscrizione Dino Tartarino, il presidente di Legacoop Puglia Carmelo Rollo, il consigliere comunale Pietro Petruzzelli, il presidente dell'associazione commercianti di via manzoni e dintorni Enzo Angarano, il project leader di Finis terrae e direttore dell'Oratorio Salesiani del Redentore don Francesco Preite.

Le manifestazioni prenderanno il via domani, con la Giornata della Cooperazione organizzata da Legacoop Puglia in collaborazione con l’A.S.D Asem Volley, Learning Cities, la coop. Sociale C.A.P.S., Progetto Città, Elaborazioni, l’Associazione dei commercianti di via Manzoni e dintorni. Dalle 10 alle 20 piazza Risorgimento ospiterà una serie di iniziative all'insegna dello sport e del divertimento, mentre le imprese cooperative saranno presenti con i loro gazebo informativi.

Questo il programma:

Ore 10.00-13.00
Sport e divertimento per circa 100 bambini della scuola Garibaldi che potranno giocare a pallavolo in campetti opportunamente allestiti in Piazza Risorgimento dall’A.S.D. Asem Volley, divertirsi con i Ludobus gestiti da Progettocittà, e infine iniziare a imparare cosa è la sicurezza stradale con i Piedibus organizzati da Elaborazioni.

Ore 17.00-20.30
Artisti di strada, giocolieri, clown animeranno piazza Risorgimento con spettacoli per tutte le età: il mimo Saeed Fekri, i giocolieri I Giullari del Diavolo, l’acrobata Martina Nova, la street band ConturBand, e infine le performance di Otto Panzer.

La cooperativa C.A.P.S. sarà presente con il camper Chill bus del progetto interistituzionale "Io non dipendo"- (Comune di Bari, Dipartimento Dipendenze Patologiche ASL Bari e Ufficio Scolastico Regionale) promosso dall'Assessorato al Welfare e gestito da CAPS in rete con Cama Lila e Acat Bari Nuova-  per offrire interventi di sensibilizzazione e prevenzione dai danni derivanti dall'uso di sostanze psicoattive e comportamenti a rischio correlati. Gli operatori specializzati saranno disponibili a promuovere le varie azioni del progetto e a coinvolgere gli interessati nelle possibili simulazioni ( sul camper sono disponibili un simulatore di guida, di occhiali che simulano il campo visivo in stato di ebbrezza, di etilometro, di etilotests monouso e preservativi).

L’associazione Learning Cities organizzerà la prima tappa di un’azione di progettazione partecipata che continuerà il 4 giugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

  • La protesta dei 'gilet arancioni' in piazza Prefettura a Bari : "Il governo deve andare a casa"

Torna su
BariToday è in caricamento