Libertà: stop ai lavori, per il parco De Bernardis tocca attendere

La consegna era prevista a fine luglio, ma il cantiere è fermo dall'inizio dell'estate. L'assessore Lacarra spiega: "Lo stop dovuto all'approvazione di alcune modifiche del progetto"

Giuseppe Laricchia 14 settembre 2012
4

Tocca ancora aspettare prima che il parco in via De Bernardis, nel quartiere Libertà, possa essere realizzato. I lavori che sembravano procedere spediti e senza intoppi, tanto da far sbilanciare l'assessore dei lavori pubblici del Comune di Bari, Marco Lacarra - che ad aprile dichiarava "A luglio il Libertà avrà il suo nuovo polmone verde" - in realtà, con l'arrivo dell'estate, hanno subito uno stop.

Molti residenti hanno notato che nel cantiere non ci lavora più nessuno. La data di consegna che ancora campeggia sul piano dei lavori era prevista per 27 luglio di quest'anno, ma ad oggi non c'è nulla del progetto che prevedeva un parco della grandezza di 2500 metri quadrati, l'installazione di sedute in pietra, una galleria con sale lettura, una fontana a cascata, una piccola zona ristoro con copertura trasparente a sbalzo, e due diverse aree ludiche e sportive per i più piccoli. Zolle di terreno, cavi e  costruzioni parziali  è tutto ciò che si può osservare affacciandosi alla cancellata che circonda l'area.  Si allungano dunque i tempi per il parco che quasi sicuramente sarà dedicato a Mimmo Bucci, il musicista fortemente legato al quartiere Libertà che rimase travolto e ucciso da una moto sul lungomare la sera del 16 maggio 2007.

Annuncio promozionale



Come spiega l'assessore Lacarra a BariToday “Il parco è fermo per una perizia di variante. Ci sono stati dei problemi di natura amministrativa per una modifica del progetto. Vorremmo fare il parco ancora più bello di come l'avevamo immaginato e per questo stiamo aspettando l'approvazione”.  L'assessore, che si dice sicuro di una rapida ripresa dei lavori, spiega però come questo non è un momento facile per l'amministrazione comunale. “La questione del parco - sottolinea Lacarra - porta alla luce un problema di carattere più generale. È necessario infatti che si proceda ad un percorso di modifica normativa sulle regole del patto di stabilità altrimenti ci troveremo in difficoltà enormi. Stiamo lavorando con l'amministrazione ad un metodo per effettuare i pagamenti alle aziende impegnate nei lavori. È necessario che i politici non pensino solo alla propria rielezione ma si impegnino a trovare una soluzione, altrimenti con il blocco dei pagamenti nel giro di un mese ci troveremo col sedere per terra”.

Libertà

4 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di Gabriele Piscitelli

    Gabriele Piscitelli Oramai  l'Amministrazione  Emiliano e la sua Giunta  non e più Credibile........

    il 15 settembre del 2012
  • Avatar anonimo di Cipriani Luigi

    Cipriani Luigi Queste dichiarazioni solo l'Assessore Lacarra li poteva fare!!!! La gente deve sapere che questa amministrazione è stata da sempre contraria a realizzare il "parco" in via De Bernardis, solo la determinazione e serietà politica dei Cipriani (Gino e Michele) ha permesso la realizzazione. Occupazione dell'aula Consiliare, sciopero della fame,  centinaia di interrogazioni, varie proteste ecc. ecc. MAI nessuno ha dato un sostegno alle nostre battaglie affinchè fosse realizzato il Parco, solo quando si stava per realizzare i noti sciacalli hanno cercato di parlare di detta opera. Da lunedì p.v. partiranno concrete iniziative anche di protesta affinchè il parco non sia una "CHIMERA". Luigi Cipriani

    il 15 settembre del 2012
  • Avatar anonimo di maria

    maria ma sempre nel quartiere libertà ci sono i problemi, la verità è che non vi interessa fare niente, vedi la manifattura,il giardino, se vogliamo chiamarlo così,vicino alla chiesa del redentore, (sappiamo che è opera della regione) ed ora il blocco dei lavori del parco e poi Via Manzoni:  il patto di stabilità è vero ma questo quartiere è il centro di Bari non lo dimenticate. per Murat e Madonnella ci sono i soldi? la mia non è propaganda politica, non mi interessa ma come cittadina vorrei vivere in un quartiere non emarginato.

    il 14 settembre del 2012
  • Avatar di marino

    marino Ma l'assessore Lacarra quando a luglio (meno di due mesi fa) dichiarava che era imminente l'apertura del parco non sapeva di questa variante oppure questa è stata pensata il 15 agosto? Ripeto come quanto dichiarato da lui stesso...È necessario che i politici non pensino solo alla propria rielezione...

    il 14 settembre del 2012