Chiesa del Redentore e oratorio dei Salesiani: dove sono le strisce pedonali?

Le due strutture affiancate che insistono su via Martiri d'Otranto e accolgono giornalmente centinaia di baresi, del Libertà e non solo, non hanno, in corrispondenza ai loro ingressi, gli attraversamenti per chi va a piedi. Eppure c'è un nutrito passaggio di auto

Via Martiri d’Otranto, una strada tanto frequentata dai baresi del quartiere Libertà e non solo che tutti conoscono. Il motivo? Proprio su quella strada c’è sì la scuola elementare San Giovanni Bosco, ma ci sono anche due punti strategici per la socialità e la convivialità di un intero rione: la chiesa del Redentore e l’oratorio dei salesiani.

I due centri raccolgono giornalmente decine e decine di cittadini, chi per le funzioni religiose, soprattutto nelle ore mattutine e del tardo pomeriggio, per non parlare delle domeniche, chi per partecipare alle tantissime iniziative che l’oratorio salesiano mette a disposizione dei ragazzi della zona. Non dimentichiamo che intere generazioni sono cresciute lì dentro, intere generazioni sono state tolte dalla strada proprio attraverso la funzione sociale di quei luoghi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



Sia il Redentore che l’oratorio insistono entrambi e in linea su via Martiri d’Otranto, un’arteria che collega corso Italia a via Nicolai. Essendo questa una zona ad alto traffico veicolare, proprio per la sua disposizione strategica, la domanda è: dove sono le strisce pedonali? Non ce ne sono, almeno in prossimità dell’ingresso della chiesa e dell’oratorio. Non ci sono neppure in direzione delle due rampe. E allora, che fare? Il pedone che vuole attraversare come può sentirsi tutelato dalle auto che spesso, indifferenti, sfrecciano?

E che dire della scuola elementare San Giovanni Bosco? Come dimostrano le fotografie, sulle strisce pedonali mezze sbiadite che ci sono, c’è chi ha pensato bene di metterci i cassonetti, piuttosto che lasciare libero il passaggio e permettere il transito ai bambini. Anche qui, in direzione del portone, niente attraversamenti per chi va a piedi. Le uniche strisce accessibili sono quelle a destra, vicino all’edicola. Ma anche in questo caso vederle è veramente difficile. Eppure, come accade davanti ad altre scuole del murattiano e non solo, gli attraversamenti in queste aree dovrebbero essere a rilievo, rispetto al manto stradale, e avere un fondo rosso visibile in qualsiasi condizione meteo e a qualsiasi ora.

Allora la domanda è: come è possibile che in un’area che raccoglie giornalmente centinaia di persone non ci siano delle strisce pedonali?
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

Torna su
BariToday è in caricamento