Marcialonga Nicolaiana, si rinnova il rito del tuffo a Pane e Pomodoro

Diciassettesima edizione della corsa dalla Basilica di San Nicola fino alla spiaggia più amata dai baresi. Tanta allegria e temerarietà tra sole e acque gelide

L'acqua gelida non ha di certo scoraggiato, anche quest'anno, i 'temerari' della Marcialonga Nicolaiana, la classica corsa di inizio anno giunta alla 17ma edizione: decine di appassionati sono partiti, dopo la bendizione del Priore, dalla Basilica di San Nicola, per terminare il loro percorso con il consueto tuffo sulla spiaggia di Pane e Pomodoro, tra allegria, sorrisi e un po' (si fa per dire) di freddo. Tra i temerari, anche l'assessore comunale all'Ambiente e allo Sport, Pietro Petruzzelli. Nel gruppo di impavidi, anche il gruppo della Scuola Cani Salvataggio Nautico, con i simpatici bagnini a quattro zampe, pronti a vigilare sul nutrito gruppo di partecipanti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Cade in moto sul lungomare: muore 54enne

  • Sport

    Foggia-Bari, derby allo 'Zaccheria' 21 anni dopo: galletti col tridente Galano-Floro-Cissè

  • Cronaca

    Sorpresi con una pistola rubata nell'auto: quattro baresi arrestati nel Materano

  • Cultura

    Otto giorni nel segno del cinema, parte il Bif&st 2018: al Petruzzelli l'incontro con Piefrancesco Favino

I più letti della settimana

  • Blitz della Dda contro il clan Capriati, 18 in manette: i nomi degli arrestati

  • Droga, armi ed estorsioni: blitz della polizia, 18 arresti nel clan Capriati

  • Vigili fermano Smart per un controllo: scoperto "sequestro" di un bimbo di 3 anni, due arrestati

  • Intasca tremila euro da un imprenditore: arrestato dirigente del Policlinico

  • Podista colpito da infarto durante Vivicittà, scattano i soccorsi. Gli organizzatori: "Possedeva un certificato medico agonistico"

  • Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

Torna su
BariToday è in caricamento