homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Mauro Pansini, chef molfettese, premiato nella grande mela di New York

Lo chef molfettese, Mauro Pansini, ha giostrato per tutto il tempo con uno show cooking "no stop", facendo avvicinare curiosi da tutto il mondo, "affamati" del cibo italiano e desiderosi di gustarlo; infatti in meno di 6 ore ha preparato ben 12 primi piatti di pasta, differenti l'uno con l'altro, e con un'alta qualità di cucina, creatività e abbinamento delle materie prime di eccellenza.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

A New York si è svolta la premiazione degli ambasciatori della "Dieta Mediterranea" nel mondo: 1^ edizione del "Premio Casillo" fra le eccellenze spicca anche Molfetta.

Si è svolta lunedì 29 giugno 2015, presso il Tuscany Hotel di New York, nella Penthouse, la prima edizione del "Premio Casillo per la Dieta Mediterranea", riconoscimento fortemente voluto dal Gruppo Casillo, oggi leader mondiale nella trasformazione e commercializzazione del grano duro, per rafforzare il suo sentimento di riconoscenza nei confronti di chi, attraverso la propria attività professionale, ha avuto il merito di contribuire alla diffusione della Dieta Mediterranea nel mondo.

La cerimonia, presentata in lingua inglese dalla splendida Manuela Rana, nata a Molfetta ma, da tempo residente a New York, oggi art director in un noto studio fotografico nella grande mela, è stato consegnato il prestigioso premio a otto personalità che si sono particolarmente distinte in questo campo,

Oltre alla degustazione delle prelibatezze pugliesi preparate dallo chef giramondo, il molfettese Mauro Pansini, erano veramente tante le pietanze preparate anche per l'occasione dell'evento sulla penthouse del Tuscany Hotel, lo chef di Molfetta ha ricevuto il prestigioso "Premio Casillo"per la sua maestria ai fornelli per promuovere il territorio della Puglia nel mondo.

Clicca qui e guarda la galleria fotografica

Tanti gli emigrati molfettesi, arrivati dal New Jersey, che non hanno voluto perdere l'opportunità di mangiare un piatto con gli odori di casa; il più richiesto è stato il piatto di orecchiette, preparate a mano il giorno prima, ma anche gli gnocchi di ricotta, i pomodori ripieni, e altro ancora hanno degustato e solleticato il palato degli invitati.

Vi invitiamo a visionare il video della serata a New York: "Premio Casillo 2015"

Lo chef è stato protagonista anche anche presso il "Summer Fancy Food Show", a New York nella giornata di martedì 30 giugno, dove quest'anno la nazione partner era l'Italia e lo stand dell'azienda Casillo Group, ha fatto il "boom" di affluenza da parte dei partecipanti.

Il nostro chef molfettese, Mauro Pansini, ha giostrato per tutto il tempo con uno show cooking no stop, facendo avvicinare curiosi da tutto il mondo, "affamati" del cibo italiano e desiderosi di gustarlo; infatti in meno di 6 ore ha preparato ben 12 primi piatti di pasta, differenti l'uno con l'altro, e con un'alta qualità di cucina, creatività e abbinamento delle materie prime di eccellenza.

Diteci voi se il "Premio Casillo" non lo ha pienamente meritato?

Molfetta e la sua fucina di artisti, in tutti i campi, è presente nel mondo ed è un orgoglio per la nostra città avere tanti talenti che sono i primi a promuovere il nostro bellissimo territorio ovunque .

Mai più azzeccata è la citazione:Nemo propheta in patria.
(Nessuno è profeta in patria ) è di solito usata per significare che difficilmente si possono vedere riconosciuti i propri meriti, o comunque i meriti di una persona, nel proprio paese (dove si è per lo più conosciuti come uomini comuni, e con le debolezze di questi), o per lamentare il fatto che spesso le invidie e l'incomprensione dei propri conterranei costringono gli uomini di valore a cercare il successo lontano dal proprio paese.

Torna su
BariToday è in caricamento