Luminarie nell'alveo di Lama Monachile, i geologi contro il Comune di Polignano: "Quell'area è pericolosa"

Dopo le polemiche per i tornelli a pagamento, sul 'Meraviglioso Natale' di Polignano piomba anche l'intervento della Sigea, che in una segnalazione-esposto evidenzia i rischi legati alla scelta di allestire un percorso nella lama

Foto Fb 'Meraviglioso Natale'

"L’installazione di un percorso di luminarie nell’alveo della “Lama Monachile”, profonda incisione nel substrato geologico formatosi a seguito dell’erosione dovuta al transito delle acque che dall’entroterra raggiungono il mare e presente nella parte nord dell’abitato di Polignano a Mare, mette in pericolo le persone che possono recarsi direttamente nell’alveo della lama".

A lanciare l'allarme, in una segnalazione-esposto presentata al sindaco di Polignano a Mare, Domenico Vitto, e alla Procura della Repubblica, è la Società italiana di geologia ambientale (Sigea) nella persona del presidente, Antonello Fiore. Così, sul 'Meraviglioso Natale' della cittadina, dopo le polemiche su tornelli e ingressi a pagamento nel centro storico, piomba anche la 'bocciatura' dei geologi.

"L’alveo della Lama Monachile, come classificato dal Piano di assetto idrogeologico dell’Autorità di Bacino, è un’area a pericolosità idraulica molto elevata (AP) - spiega una nota diffusa dalla Sigea - Questo sta a significare che in occasione di piene generate da piogge copiose si possono generare deflussi idrici con un’energia tale da mobilitare fango, detriti e tutto ciò che rappresenti un ostacolo per il normale deflusso dell’acqua a mare, fenomeno questo già verificatosi nell’alluvione avvenuta nel settembre del 2006". "Allestire con luminarie un luogo riconosciuto dalle Autorità preposte come idraulicamente pericoloso e questo nel periodo più piovoso dell’anno - prosegue la nota - è estremamente rischioso e annulla il lavoro che le associazioni di protezione ambientale, gli ordini professionali, gli organi di stampa e le istituzioni scolastiche stanno facendo nel nostro Paese nel promuovere la previsione e prevenzione dei rischi geologi per ridurre il numero delle vittime del dissesto geo-idrologico". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Sigea chiede dunque di "verificare il rispetto delle norme di difesa del suolo, di tutela della sicurezza pubblica e privata e di incolumità delle persone e questo al fine di rimuovere le luminarie dall’alveo della Lama Monachile in tempi brevi", invitando di contro il Comune di Polignano a Mare "ad attivare una campagna di sensibilizzazione sui reali pericoli che comporta la frequentazione dell’alveo di una lama".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento