Il nuovo mercato di via Amendola prende forma, commercianti di via Nizza in visita alla struttura

I commercianti hanno effettuato un sopralluogo nell'edificio dove sarà spostato l'attuale mercato all'aperto. Con loro anche gli assessori Palone, Galasso e Tedesco

Gli operatori del mercato di via Nizza iniziano a 'prendere familiarità' con la futura struttura che li ospiterà in via Amendola. Nel pomeriggio l’assessore allo Sviluppo economico Carla Palone - insieme agli assessori ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso, e all’Urbanistica, Carla Tedesco, e al presidente del Municipio II Andrea Dammacco - li ha accompagnati nel sopralluogo all'interno dell'edificio ancora in fase di costruzione. Si tratta del secondo incontro con gli operatori mercatali dopo quello della scorsa settimana.

Il progetto del nuovo mercato

Al termine dei lavori - partiti lo scorso gennaio nell’ambito di un accordo di programma siglato nel 2009 tra il Comune di Bari, la Regione Puglia e la Edocos srl - sorgerà così il nuovo mercato, progettato con una forma a T e con una superfice totale di circa 1445 mq, distribuiti su due livelli.  Sarà previsto anche un piano interrato da adibire ad autorimessa per circa 50 posti auto. L’edificio ospiterà 29 box mercatali coperti da destinare a svariate tipologie di attività commerciali. Il progetto nel corso degli anni è stato modificato rispetto al suo assetto originario. Per garantire infatti una maggiore efficienza dell’edificio, sia in fase di realizzazione sia in fase di fruizione da parte degli operatori, sono state migliorate l’illuminazione e la ventilazione. In fase di rimodulazione del progetto, inoltre, il Comune ha chiesto all'impresa una particolare attenzione all’impiego di materiali e di soluzioni capaci di garantire una riduzione dei costi e delle future esigenze manutentive.

Palone: "Passo in avanti per l'eliminazione dei mercati di strada"

“Oggi abbiamo visitato insieme agli operatori la nuova struttura che diventerà la loro casa per i prossimi anni - ha commentato Carla Palone - oltre che fare un passo in avanti nell’attuazione del Piano dei mercati che aveva tra gli obiettivi principali quello di eliminare i mercati giornalieri dalla strada per dare dignità agli operatori mercatali e al loro lavoro, per offrire un servizio migliore agli utenti e per rendere più vivibili alcune zone della città per chi ci risiede. Le strutture coperte e attrezzate ci permettono anche di pianificare attività extra in momenti particolari, penso ai mercatini natalizi, ai mercati serali in estate e altro ancora. Stiamo procedendo di pari passo, per questa struttura e per il nuovo mercato di via Pitagora, in modo da trasferire gli ultimi due mercati all’aperto presenti in città”.
 
“Attraverso un accordo pubblico/privato - ha spiegato Carla Tedesco - stiamo riuscendo ad assicurare un nuovo spazio pubblico al quartiere e a tutti coloro che transiteranno dalla nuova stazione Campus, prevista nel progetto del nodo ferroviario, un importante servizio per i cittadini. I mercati rionali contribuiscono in modo considerevole ad assicurare la vitalità dei quartieri, non sono solo spazi di vendita, ma anche luoghi di incontro che favoriscono relazioni di prossimità. Ma questo mercato sarà anche un tassello importante per vitalizzare la nuova stazione Campus che diventerà un polo multifunzionale e non solo un luogo di transito. Ringrazio i funzionari e i dirigenti della ripartizione Urbanistica, che hanno lavorato intensamente per sbloccare i problemi procedurali e per coordinare i lavori di costruzione del mercato con altri interventi edilizi previsti nell’area, superando le difficoltà di intersezione tra i cantieri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, terribile tragedia nel Barese: uomo investito e ucciso mentre stava tornando a casa

  • Maltempo in arrivo e allerta arancione sul Barese: scuole chiuse in alcuni Comuni

  • Crollano calcinacci dal cavalcavia della SS16, danni alle auto: tratto chiuso al traffico

  • Lotta ai tumori, il cioccolato 'nero' è un alleato della prevenzione. Ricercatore di Bari: "20 grammi ogni due giorni"

  • Attimi di tensione in una scuola, papà entra e schiaffeggia 14enne: "Lascia stare mio figlio"

  • Famiglia pugliese beffata in un bar di Roma: 120 euro per quattro panini e quattro bibite perché "vicini al Vaticano"

Torna su
BariToday è in caricamento