Lama Misciano a Modugno, un patrimonio dimenticato da difendere

Nella video-inchiesta realizzata dai ragazzi dell'associazione "Giovani Menti Attive" la storia delle bellezze storico-architettoniche di Lama Misciano: un vero e proprio patrimonio dimenticato, che rischia di essere cancellato dalla costruzione di un inceneritore

Una video-inchiesta in sei puntate per richiamare l'attenzione dei cittadini sulle bellezze storico-architettoniche di una zona poca conosciuta del territorio tra Bari, Modugno e Bitonto, eppure ricca di storia: lama Misciano. L'iniziativa, realizzata dall'associazione socio-culturale “Giovani Menti Attive” in collaborazione con il Comitato cittadino “Pro Ambiente” di Modugno, è nata dalle denunce presentate da varie associazioni modugnesi contro la volontà di costruire un inceneritore di proprietà del “Gruppo Marcegaglia spa” della capacità di 90000 tonnellate di CDR e biomasse proprio in quel territorio.

Le indagini portate avanti dal Pm di Bari Francesco Bretone hanno evidenziato che la zona risulta di “notevole bellezza”. Dopo il sequestro dell’area dell’impianto e dopo che numerose testate giornalistiche si interessarono della vicenda, la soprintendenza dei beni architettonici e paesaggistici, dopo essere stata interessata dal Ministero dei Beni Culturali a seguito di una nota inviata dal Comitato Pro Ambiente, molto dettagliata e corredata da foto inedite contenute nel video della zona Ambiente, ha espresso parere negativo alla realizzazione dell’impianto di incenerimento nel procedimento relativo al rilascio del parere di compatibilità ambientale. La zona è risultata essere vincolata ai sensi del D.M. 1 Agosto 1985. Recentemente, con determina dirigenziale n.272 del 21 novembre 2011 la Regione Puglia ha espresso parere negativo al rilascio della Valutazione di Impatto ambientale (VIA) al suddetto impianto del gruppo Marcegaglia. Ma la vicenda non è chiusa e attualmente vi è un processo in corso relativo alle indagini portate avanti da Bretone.

Nella loro video-inchiesta, i ragazzi di "Giovani Menti Attive" guidano lo spettatore alla scoperta dei angoli più belli di lama Misciano, un vero e proprio patrimonio storico-culturale che le associazioni di cittadini sono determinate a difendere da qualsiasi interesse imprenditoriale che possa danneggiarlo.

 

LE PUNTATE DELLA VIDEO-INCHIESTA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

1/6 Il Palmento - Il passato nascosto di Modugno a Lama Misciano

2/6 Ipogeo I - Il passato nascosto di Modugno a Lama Misciano

3/6 strada romana e torre bella mora - Il passato nascosto di Modugno a Lama Misciano

4/6 Ipogeo II - Il passato nascosto di Modugno a Lama Misciano

5/6 sepolcreto e tomba preistorica - Il passato nascosto di Modugno a Lama Misciano

6/6 strada Montepeloso e Frantoio - Il passato nascosto di Modugno a Lama Misciano


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento