Morto boss pentito Antonio Di Cosola: era detenuto nel carcere di Monza

Aveva 64 anni: sarebbe deceduto a seguito di un infarto. Dopo essersi pentito aveva collaborato con la giustizia, rivelando importanti particolari riguardanti traffici illeciti gestiti dal clan a cui era a capo

Antonio Di Cosola, già boss dell'omonimo clan e da anni collaboratore di giustizia, è deceduto questa mattina nel carcere di Monza. Aveva 64 anni. Secondo le prime informazioni, l'uomo sarebbe deceduto per un infarto. Di Cosola, pentitosi nel settembre 2015, era sottoposto a un programma di protezione come la moglie e il figlio collocati in una località protetta, ed aveva rivelato, negli ultimi anni, importanti particolari riguardanti i traffici illeciti degli ultimi decenni da lui stesso gestiti e dal clan di cui era al vertice. Coinvolto in numerose inchieste sulla criminalità barese, Di Cosola ha dovuto scontare una parte della pena in regime di carcere duro, ovvero il 41 bis, un periodo terminato dopo la decisione di pentirsi. 

Potrebbe interessarti

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

  • ''La Uascèzze''

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

Torna su
BariToday è in caricamento