Lotta agli 'sporcaccioni', oltre 300 incastrati dalle fototrappole: "Multe anche per chi porta i rifiuti a Bari dai paesi limitrofi"

Prosegue la stretta da parte di Comune e Polizia Municipale. Al vaglio, per l'estate, un'ordinanza che colpisca la 'migrazione' dell'immondizia

Sono ben 318 le sanzioni elevate in un mese dalla Polizia Locale di Bari, nel periodo compreso tra metà aprile e metà maggio, ai danni di altrettanti cittadini beccati dalle 'fototrappole' a conferire rifiuti in modo errato, in varie zone del capoluogo pugliese. L'importo complessivo delle multe è di 40,7 mila euro: complessivamente, le sanzioni riguardano il conferimento fuori orario (201), nei giorni festivi (24), l’abbandono dei bustoni in maniera non regolare nelle zone interessate dal servizio porta a porta (22), la mancata differenziata (15) e l’abbandono di rifiuti ingombranti (56).

Multe anche per la 'migrazione dei rifiuti'

Non solo fototrappole: il Comune, in vista dell'estate, prevederà un'ordinanza che introdurrà sanzioni per chi conferisce rifiuti a Bari nonostante sia residente in altri Comuni. Lo strumento sarà destinato a colpire il fenomeno della 'migrazione dei rifiuti' che vede cittadini di paesi limitrofi gettare immondizia non appena entrano nel territorio barese, in particolare nei quartiere periferici di San Giorgio, Loseto, Carbonara e San Paolo. Dopo che sarà firmata l'ordinanza sarà valutato l'ammontare delle multe “Abbiamo lavorato a uno strumento importante - spiega l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli - che ci permette di avere un’arma per sanzionare tutti i pendolari che vengono a lasciare i loro rifiuti a Bari, perché nei Comuni di provenienza è stato istituito il servizio di raccolta porta a porta. In questi anni abbiamo visto che soprattutto le complanari di San Giorgio sono prese d’assalto dai cittadini di altre città che vengono a Bari ogni giorno per lavoro e scaricano i loro rifiuti fuori orario, prevalentemente al mattino, e neanche troppo civilmente. Questo, per il quartiere San Paolo ad esempio, ha creato diversi problemi tra cui la presenza di cinghiali che stiamo contrastando con molti sforzi. Nei quartieri di Carbonara e Loseto, ad esempio, contiamo di sanzionare le ditte che scaricano nei campi il materiale di risulta o i residui dei traslochi".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abbonamenti abusivi alla tv a pagamento, blitz in Italia e in Europa: scattano gli arresti, centrale anche a Bari

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Desiderate che il vostro bucato sia profumato? Tutto dipende dalla pulizia della vostra lavatrice

  • Omicidio a San Pio, proseguono le indagini sul delitto. Michele Ranieri cognato di Vincenzo Strisciuglio

  • Svaligiano appartamento di un'anziana, scatta l'inseguimento per le vie di Carrassi: presi due giovani

  • Rissa in strada al Libertà, intervengono le Forze dell'ordine: "Bottiglie di vetro usate come armi"

Torna su
BariToday è in caricamento