Si inclina il cargo arenato a Pane e Pomodoro: chiesto l'abbandono della nave. Domani le operazioni di rimorchio

A aggravare le condizioni dell'imbarcazione turca Efe Murat una possibile falla che avrebbe causato un'inclinazione di 12 gradi. Il salvataggio sarà completato nelle prossime ore

Una falla che avrebbe provocato un'inclinazione: è peggiorata la situazione della nave turca Efe Murat arenatasi questa mattina, a causa del forte vento, sui frangiflutti di fronte alla spiaggia di Pane e Pomodoro a Bari

Le immagini: la nave davanti Pane e Pomodoro sballottata dalle onde 

Il mare in burrasca e il moto ondoso, rafforzatosi nel corso della giornata, avrebbero causato una falla che, nel tardo pomeriggio, ha provocato l'inclinazione di 12 gradi del mercantile proveniente da Ortona e diretto in Turchia. L'imbarcazione adibita al trasporto di grano non contiene alcun carico, avendolo già lasciato in Abruzzo ma si teme per un'eventuale fuoriuscita di carburante

Il comandante della nave ha chiesto di abbandonare il cargo: a bordo ci sono 15 marinai. Le operazioni saranno completate in serata. Domattina, invece, Guardia Costiera, Vigili del Fuoco e Polizia Locale coordineranno il recupero della nave, anche attraverso un rimorchiatore, dopo la sospensione delle operazioni avvenuta in mattinata a causa delle condizioni del mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Finanza a Bari, raffica di arresti e sequestri: smantellato traffico di armi e droga dall'Albania

  • Grave incidente tra due auto: morti un uomo e una donna. Deceduto anche il loro cagnolino

  • Traffico di droga e armi dall'Albania, quindici arresti a Bari: i nomi

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • Fulmine colpisce aereo Ryanair, odissea per i passeggeri del Bari-Londra: partiti con 10 ore di ritardo

  • Le orecchiette di Bari vecchia finiscono sul New York Times: in prima pagina il "crimine della pasta"

Torna su
BariToday è in caricamento