Bimba nata morta dopo "litigio" tra medici: la Asl risarcisce i genitori con 440mila euro

La vicenda risale ad aprile del 2016: la piccola sarebbe deceduta al 'Di Venere' per un ritardo dovuto a malintesi riguardanti la sala da adoperare per il parto cesareo

Sono stati risarciti con 440mila euro dall'Asl di Bari i genitori della bambina nata morta ad aprile del 2016 all'ospedale Di Venere di Carbonara: l'episodio coinvolse una coppia di genitori molfettesi che sarebbe stata vittima di una serie di malintesi riguardanti le sale da utilizzare per effettuare il parto. Il cesareo, con la sala parto occupata, sarebbe stato dirottato quindi nella sala operatoria principale ma, per via di un improvviso intervento su un'appendicite, il tutto avvenne qualche ora dopo. La piccola venne alla luce senza vita. La Asl ha quindi provveduto al risarcimento.

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Ferragosto 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • 5 benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • Si sente male in vacanza in Salento, ricoverata da Lecce a Bari: muore bimba di un anno

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • Picchia cliente con una spranga dopo una lite, arrestato esercente: questore chiude negozio in piazza Moro

  • Si staccano pietre da Lama Monachile e finiscono in mare, stop ai bagni accanto alla parete rocciosa

  • Ragazzo di 17 anni trovato morto in casa a Monopoli, decesso per cause naturali. Indaga la Polizia

Torna su
BariToday è in caricamento