Nuovo carcere, Emiliano: "Pronti 40 milioni". Torna l'ipotesi ex Bonomo per il tribunale

A margine dell'incontro di ieri con il ministro Alfano il primo cittadino ha confermato la disponibilità di fondi per la costruzione del nuovo penitenziario. Dal vicepremier la promessa di un impegno per risolvere il problema degli uffici giudiziari

L'ex ospedale militare Bonomo che potrebbe diventare la sede degli uffici giudiziari

Quaranta milioni di euro pronti per la realizzazione del nuovo carcere di Bari. Ad assicurarlo è stato ieri il sindaco Michele Emiliano, a margine del vertice in Prefettura con il ministro dell'interno Alfano, che è stato anche l'occasione per fare il punto sulla situazione del penitenziario e degli uffici giudiziari a Bari. Il sindaco ha quindi smentito la notizia, che si era diffusa nei mesi scorsi, di una presunta perdita dei fondi: "Le notizie sulla perdita del finanziamento sono del tutto sbagliate - ha dichiarato - e soprattutto la localizzazione del carcere è gia stata consegnata da me personalmente al dottor Ionta che era il capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria anni fa".

LEGGI ANCHE: ALFANO A BARI, VERTICE SULLA SICUREZZA IN PREFETTURA

Oltre che del nuovo carcere - che secondo il progetto presentato tempo fa dal Comune dovrebbe sorgere in zona stadio San Nicola - nel corso dell'incontro si è parlato della possibilità di utilizzare l'ex ospedale militare Bonomo per ospitare parte degli uffici giudiziari. "Il ministro Alfano era sempre stato favorevole a questa soluzione", ha commentato il sindaco Emiliano. "Resistenze - ha rilevato - ci sono sempre state da parte del ministero della Giustizia, per la parte burocratica, e io mi auguro che il ministro Cancellieri possa farci vincere queste resistenze. Il Bonomo va comunque mantenuto perché sta crollando il tetto. Se riusciamo a sistemarlo, e a utilizzarlo, risparmiamo un sacco di soldi ed è una soluzione temporanea che ci consente di attendere tutte le vicende relative alla soluzione definitiva cosiddetta 'Cittadella' o altre soluzioni". Alfano, infatti, si è impegnato a mediare con il ministro Cancellieri per favorire l'approvazione della proposta avanzata dal Comune.

Potrebbe interessarti

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • 7 consigli per eliminare il cattivo odore delle ascelle

  • Animali domestici: le regole da rispettare se vivi in un condominio

I più letti della settimana

  • Battiti Live a Bari, svelato il cast: ecco chi sarà sul palco per il gran finale

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Morta dopo intervento per dimagrire alla Mater Dei, indagati 3 medici: domani l'autopsia

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

Torna su
BariToday è in caricamento