Omicidio Mizzi, confermate in Appello le condanne per i due sicari

Riconosciuta l'aggravante mafiosa per il delitto del 39enne di Carbonara, ucciso per errore mentre rincasava la sera del 16 marzo 2011

Sono state confermate dalla Corte di assise di Appello di Bari le condanne per Emanuele Fiorentino e Edoardo Bove, ritenuti gli assassini di Giuseppe Mizzi, il 39enne di Carbonara ucciso per errore in un agguato mafioso la sera  del 16 marzo 2011.

Nel processo di secondo grado, i giudici hanno riconosciuto a carico degli imputati l'aggravante dell'articolo 7, ovvero l'aver favorito un'associazione mafiosa e aver utilizzato nell'omicidio il metodo mafioso.

Giuseppe Mizzi fu avvicinato e freddato a colpi di pistola a pochi passi dalla piazza centrale del quartiere, mentre stava rincasando, vittima innocente di un tragico scambio di persona.

La sentenza ha quindi confermato la condanna a venti anni di reclusione per il 35enne Emanuele Fiorentino, ritenuto l'esecutore materiale del delitto, e 13 anni e 4 mesi per il 34enne Edoardo Bove. Entrambi gli imputati, attualmente detenuti, erano presenti in aula alla lettura del dispositivo. In aula anche  i familiari e la moglie di Giuseppe Mizzi, che dopo la sentenza è scoppiata in lacrime.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Auto colpisce Apecar a bordo strada su viale Tatarella, ferito gravemente un ragazzo

    • Cronaca

      'Earth hour', per un'ora piazza del Ferrarese spegne le luci contro il cambiamento climatico

    • Sport

      Bari-Novara 0-0: la reazione biancorossa sbatte contro i pali e le parate di Da Costa

    • Cronaca

      Ceglie, gli attivisti del M5s 'spazzini' per un giorno: ripulita dai rifiuti l'Aia di Cristo

    I più letti della settimana

    • Gratta un 'Miliardario' e vince 500mila euro: jackpot al San Paolo

    • Capurso, scomparsa una 18enne barese

    • Auto si ribalta e finisce contro muretto: muore pensionato, ferita la figlia

    • Conti, auto e un bar: sequestrati beni per 3 milioni di euro a pregiudicato

    • Prodotti caseari con latte straniero e senza l'indicazione di origine, maxi sequestro nel Barese

    • Modugno, anziano disabile si uccide dandosi fuoco: il corpo rinvenuto in un'auto

    Torna su
    BariToday è in caricamento