Omicidio Nicola Matera a Gravina, arrestato il presunto killer Giuseppe Carducci

L'uomo nella mattinata si era reso protagonista di uno scontro per futili motivi con il figlio ventunenne della vittima successivamente ha colpito a morte Nicola Matera che si era recato da lui a seguito della vicenda

Stando alle indagini della polizia, sarebbe Giuseppe Carducci di 32 anni già conosciuto alle forze dell'ordine, l'autore dell'omicidio di Nicola Matera, avvenuto ieri a Gravina di Puglia . L'uomo arrestato durante la notte avrebbe ucciso Matera con un revolver a seguito di un litigio per futili motivi. Carducci nella mattinata di ieri  aveva avuto uno scontro con il figlio 21enne della vittima, e lo aveva picchiato. A questo punto Nicola Matera per chiedere conto di quanto accaduto e per rendere giustizia al figlio si è recato da Carducci che armato di pistola, lo ha freddato.

I concordanti indizi raccolti dalla polizia giudiziaria, grazie a numerose audizioni di persone informate sui fatti, sono stati condivisi ai magistrati e alla procura ordinaria, che hanno  adottato il provvedimento restrittivo. Il lavoro congiunto degli investigatori e dei magistrati ha permesso di rompere il muro di omertà che nelle prime fasi delle indagini ha reso difficoltosi gli accertamenti degli inquirenti ed impedito di indirizzare le investigazioni nella giusta direzione.

 

 

 

 


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Giovane mamma morta dissanguata dopo l'urto contro una vetrata: chiesto processo per il compagno

  • Schianto con la moto alla zona industriale: muore ragazzo di 17 anni, ferito l'amico

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

Torna su
BariToday è in caricamento