Stretta anti prostituzione a Casamassima, l'ordinanza del sindaco: "Multe fino a 500 euro per 'lucciole' e clienti"

Giuseppe Nitti con il provvedimento, che interessa anche strade extraurbane nel tratto sul territorio comunale, vuole "prendere una posizione netta contro il mercimonio di esseri umane"

Foto di repertorio

Stretta del Comune di Casamassima contro la prostituzione. Il sindaco Giuseppe Nitti ha firmato un'apposita ordinanza per fermare il fenomeno del sesso a pagamento per le strade del comune barese, nel quale si

vieta a chiunque di assumere atteggiamenti e comportamenti che possano offendere la pubblica decenza o comunque preordinati all’esercizio della prostituzione. Allo stesso tempo non è consentito ai conducenti di veicoli e mezzi far salire a bordo o contattare persone dedite alla prostituzione o fermarsi in prossimità delle stesse, creando anche intralcio e alla regolare circolazione stradale o situazioni di pericolo.

Le strade interessate dal provvedimento

In particolare, nell'ambito del provvedimento sono interessate diverse strade urbane, ma anche extraurbane nei tratti che insistono sul territorio di Casamassima. Nello specifico si parla della provinciale 84 Adelfia - Rutigliano, le complanari della statale 100 Bari – Taranto, la statale 172 dei Trulli e lo svincolo denominato delle ‘Cinque strade’ nel quale si intersecano le vie che conducono ad Adelfia, Rutigliano, Cellamare e Valenzano.

I trasgressori, fermo restando le sanzioni penali e amministrative già previste dalla legge, dovranno pagare una multa che va dai 75 ai 500 euro, con un importo ridotto a 150 euro entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica della violazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nitti: "Presa di posizione netta contro il mercimonio"

Un provvedimento fortemente voluto dal primo cittadino, ancora di più visto l'intensificarsi del fenomeno negli ultimi mesi. "Non potevo rimanere indifferente – osserva Nitti – rispetto a un problema sociale dalle mille sfaccettature. Il fatto che sulle strade ci sia mercimonio di esseri umani merita una presa di posizione netta e decisa da parte delle istituzioni".    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

  • La protesta dei 'gilet arancioni' in piazza Prefettura a Bari : "Il governo deve andare a casa"

Torna su
BariToday è in caricamento