Palo del Colle, si barrica in negozio per sfuggire al marito: in manette 42enne

L'uomo avrebbe minacciato di morte la moglie dopo la sua decisione di andare via da casa, appostandosi davanti all'esercizio commerciale, urlando e intimandole di uscire. I carabinieri lo hanno bloccato non senza difficoltà

Si è rifugiata in un negozio per evitare che suo marito potesse farle del male, spaventata dalle sue urla all'esterno dell'esercizio commerciale. E' accaduto a Palo del Cole dove un 42enne è stato arrestato dai carabinieri con le accuse di violenza privata e maltrattamenti nei confronti della moglie 38enne.

La donna, spaventata per il tono violento del marito, che l'avrebbe anche minacciata di morte, si è barricata in un negozio del paese, chiamando i carabinieri. Immediato l'intervento dei militari, i quali hanno bloccato, non senza difficoltà, il 42enne nei pressi del negozio, mentre urlava e intimava alla consorte di uscire. Alla base del litigio, secondo i primi accertamenti, la decisione della donna di andare via di casa, stanca di subire violenze e maltrattamenti. L'uomo, dopo l'arresto, è stato posto ai domiciliari. 

Potrebbe interessarti

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • Bocca in fiamme per il peperoncino? I rimedi per togliere il bruciore

  • Lattosio e intolleranza: come riconoscere i sintomi

  • Dolce al palato e ricco di proprietà: i benefici del fico

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • "Le urla, poi quel bimbo adagiato sugli scogli: in quel momento abbiamo pensato solo a ciò che potevamo fare"

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • Scomparso da due giorni a Modugno: 52enne ritrovato senza vita

  • Tentato omicidio Gesuito in zona Cecilia, arrestato il boss Andrea Montani: "Agì per vendicare morte del figlio"

  • Weekend del 24 e 25 agosto: tutti gli eventi a Bari e provincia

Torna su
BariToday è in caricamento