menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Pane e focaccia 'al carbone': sequestri della Forestale, dodici denunce

Sequestrati in tutta la regione prodotti da forno 'al carbone vegetale', realizzati con l'aggiunta di additivi chimici non autorizzati dalla legge

"Pane, focaccia e bruschette al carbone vegetale", pronti per essere messi in vendita e finire sulle tavole dei pugliesi per l'Epifania. I prodotti da forno, però, erano realizzati attraverso l’aggiunta alle ricette classiche del pane e della focaccia del colorante E153 carbone vegetale, con un procedimento vietato dalla legislazione nazionale e da quella europea.

Per questo i prodotti sono stati sequestrati, e dodici panificatori sono stati denunciati, nelle città di Bari, Andria, Barletta, Foggia, Taranto e Brindisi, al termine dell’operazione portata a termine dagli agenti della Forestale del Comando Regionale per la Puglia e del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente di Altamura - Parco Nazionale dell’Alta Murgia. 

I presunti responsabili dovranno rispondere di frode nell’esercizio del commercio e produzione di alimenti trattati in modo da variarne la composizione naturale con aggiunta di additivi chimici non autorizzati dalla Legge. 

Le normative vigenti - spiega la Forestale - non consentono l’utilizzo di alcun colorante sia nella produzione di pane e prodotti simili, sia negli ingredienti utilizzati per prepararli: acqua, farina, sale, zucchero, burro e latte. I prodotti sequestrati venivano reclamizzati esaltandone la digeribilità per la loro presunta capacità assorbente che costituirebbe un ausilio per i disturbi gastrointestinali. 

Gli investigatori della Forestale stanno vagliando la regolarità di altri prodotti alimentari che contengono lo stesso tipo di additivo.

“Oltre alle violazioni delle disposizioni sull’utilizzo dei coloranti in campo alimentare, è stato riscontrato anche il non rispetto della normativa italiana in materia di produzione del pane - sostiene Giuliano Palomba del Corpo Forestale dello Stato, Comandante del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente di Altamura, Parco Nazionale dell’Alta Murgia - Infatti questa prevede che per la preparazione del prodotto denominato “pane” è consentito, in aggiunta agli ingredienti tradizionali quale sfarinati di grano, acqua e lievito, solo l’impiego di farine di cereali maltati, amidi alimentari e zuccheri".
 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Bloccati dopo inseguimento sulla statale 16: in auto kalashnikov e cartucce, arrestati due pregiudicati

    • Cronaca

      Bimbo muore durante il parto, otto indagati tra medici e infermieri

    • Incidenti stradali

      Incidente sulla statale 16 a Torre a Mare, scontro tra due auto: tre feriti

    • Cronaca

      Amtab, in vendita i nuovi biglietti: scattano gli aumenti

    Torna su