Sito di stoccaggio per materiale da scavo senza autorizzazioni: sequestrati 11 ettari di terreno nel parco dell'Alta Murgia

Operazione dei Carabinieri Forestali in località Ceraso, alla periferia della città. Le aree agricole poste sotto sigilli erano adibite a seminature. Denunciate tre persone

I Carabinieri Forestali hanno sequestrato 11 ettari di terreno all'interno del Parco Nazionale dell'Alta Murgia utilizzata come sito di stoccaggio di rocce da scavo in una zona vincolata e senza le autorizzazioni prevista dalla legge. Tre persone sono state denunciate. L'area posta sotto sigilli si trova in località Ceraso, alla periferia della città, dove sono stati rinvenuti cumuli di terra stoccati su alcuni terreni condotti a seminativi. Il materiale, secondo i militari, sarebbe stato trasportato lì da un cantiere di grandi dimensioni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Aggressione dopo il corteo antirazzista al Libertà, sequestrata la sede di Casapound

  • Politica

    Primarie del Centrodestra per le Comunali, il 14 primo tavolo per le regole: mano tesa a Forza Italia

  • Attualità

    Primi fiocchi di neve nel Barese: la magia della Murgia imbiancata

  • Cronaca

    Le mani del clan Capriati sul porto: chieste 24 condanne

I più letti della settimana

  • Finisce con la vettura contro un albero, muore un automobilista. Moglie ricoverata in codice rosso

  • Armi usate per la guerra tra i clan ed estorsioni ai commercianti baresi: 14 persone fermate

  • Guerra tra i clan in città ed estorsioni, blitz dei Carabinieri: i nomi dei 14 fermati

  • Checco Zalone pronto a tornare sul grande schermo: il nuovo film tra immigrazione ed ironia

  • Guerra tra clan baresi per ''controllare" il quartiere Madonnella: 13 persone in manette

  • Padre e figlio uccisi in due agguati al Libertà, otto a processo: chiesti sei ergastoli

Torna su
BariToday è in caricamento