Al via i lavori per il nuovo parco dell'ex caserma Rossani: "Sarà pronto in 300 giorni"

Inaugurati i cantieri per la realizzazione dell'opera da 30mila mq che consentirà al quartiere Carrassi e alla zona dell'estramurale, di poter godere di un polmone verde per sport e tempo libero

Orti urbani, percorso fitness, centinaia di alberi e una zona dedicata per i cani, ma anche uno skate park al centro, campi sportivi e vari ingressi per connettersi alla principali della zona: sono cominciati ufficialmente i cantieri per la realizzazione del grande parco nell'ex Caserma Rossani tra corso Benedetto Croce e via Giulio Petroni, opera da circa 1 milione di euro che riqualificherà oltre 30mila mq negli spazi un tempo occupati dal vecchio campo sportivo. L'area era chiusa dal 1991 e per 28 anni era rimasta un rudere con una grande piastra di cemento realizzata per quella che sarebbe dovuta essere la 'Città di Federico', un luogo dedicato alla cultura e alla musica, come testimoniato dalla buca per l'orchestra che sarà recuperata per diventare una pista da skate. 

Decaro: "Uno dei 10 parchi nuovi della città"

A dare il via al cantiere, questa mattina, il sindaco Antonio Decaro, assieme agli assessori ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso, e all'Urbanistica, Carla Tedesco: "Abbiamo portato avanti il progetto di Fuksas con la partecipazione di residenti e associazioni. Intere generazioni hanno visto solo i muri al confine di questa caserma e qui  c'era un campo in cui si allenava la Fc Bari nel 1908. Questo parco sarà restituito al quartiere, controlleremo i lavori con la collaborazione dei cittadini che si affacciano alle finestre. E' uno dei 10 parchi che avevamo promesso alla città". La nuova area verde si sommerà a quella da 3500 mq del giardino di via Gargasole.

Lavori conclusi entro 300 giorni

Se non vi saranno intoppi, i lavori dovrebbero concludersi entro 300 giorni. I lavori non dovrebbero neppure causare problemi alla viabilità della zona, essendo organizzati all'interno di uno spazio 'isolato' dalle grandi strade che lo circondano. Realisticamente, dunque, per l'inverno 2020 si potrà passeggiare nel nuovo giardino: "Il parco ricucirà quartieri e zone importanti della città - afferma l'assessore Galasso -. Vi saranno numerosi accessi: sarà possibile entrare e uscire su via Giulio Petroni grazie a una permuta con il Demanio che ha consentito i lavori, ma anche da corso Benedetto Croce, da largo Sorrentino e via De Bellis. Quest'ultima strada sarà prolungata anche in corrispondenza con via Giulio Petroni con una viabilità pedonale e carrabile solo per i frontisti. Il parco sarà importante per la sua centralità ed è fronteggiante rispetto ai nuovi edifici del polo Bibliotecario". A tal proposito, i lavori da 10 milioni di euro sugli edifici (della durata di oltre 600 giorni) dovrebbero prendere il via nei prossimi giorni, non appena sarà validato definitivamente il progetto esecutivo. 

Un altro pezzo, dunque, di un mosaico che piace sempre di più ai residenti: "Chiedevamo spazi verdi e per la socialità - spiega un'abitante della zona - in particolare per i bambini e per fare sport, ma anche per eliminare un pezzo di degrado e un'area dove specialmente di sera ci sono movimenti che non ci piacciono". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Mentre interi tratti di strade nel quartiere Japigia sono transitabili solo con cingolati perchè nessuno si degna di asfaltarle a dovere ecco l'ennesimo parco a firma De Caro.Mi chiedo con quale criterio i baresi eleggono i loro rappresentanti cittadini.

    • Preferirebbe un rappresentante che lasciasse un spazio di tale grandezza grigio, inutilizzato ed abbandonato?Io penso che se decaro avesse fatto ciò, lei se ne sarebbe lamentato...ho provato a risponderle già nel commento sulla riqualifi@#?*%$ione del lungomare ma non ho ricevuto risposta, dunque non c’è stato alcun confronto, colgo l’occasione per ribadire quanto espresso in quel messaggio. E comunque mi pare, a questo punto, che critichi per PARTITO preso.Anche a Japigia ha fatto molto il sindaco. Non si deve criticare solo in base alle strade che si percorrono abitualmente o in cui si abita, ma considerando l’intero.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Card prepagate e varchi per accedere al Moi, novità dal 1° aprile: "Stop ai contanti e agli abusivi"

  • Attualità

    VIDEO | Da Lisbona a Gerusalemme per portare un messaggio di pace, Bruno Dias: "Voglio dare il meglio al mondo"

  • Attualità

    L'ex mercato di San Pio ridotto a discarica: Amiu al lavoro per la pulizia

  • Attualità

    Nuovi luci a led per il quartiere Libertà: in via Dante e Manzoni i primi interventi

I più letti della settimana

  • Chicco è tornato a casa: ritrovato il cagnolino rubato insieme ad un'auto

  • Nuova ferrovia Bari-Torre a Mare, da domani e fino al 2020 i lavori in Tangenziale: deviazioni a Japigia

  • Violenta rissa per strada armati di ascia e pistola: arrestati sei giovani a Rutigliano

  • L'Università di Bari al top in Italia: giudizio positivo dall'Anvur, "stesso voto della Bocconi"

  • Rutigliano, scoppia rissa in strada: giovane ferito

  • '"Cercasi comparse di origine africana", tre giorni di casting per il nuovo film di Checco Zalone: già 150 partecipanti

Torna su
BariToday è in caricamento