Giovane pastore sfruttato per 1,80 euro all'ora e costretto a vivere in container: arrestato titolare di allevamento

La scoperta dei Carabinieri a Casamassima, nel Barese: il 24enne, di origini bengalesi, lavorava 11 ore al giorno per una paga misera e alloggiava in una struttura fatiscente

Un euro e ottanta centesimi all'ora per lavorare come pastore in un allevamento di ovini a Casamassima, alloggiando in un container-tugurio: è la brutta avventura vissuta da un 24enne di origini bengalesi, senza fissa dimora e permesso di soggiorno, il quale sarebbe stato sfruttato dal suo datore di lavoro, un pregiudicato 46enne titolare di un'impresa agricola, arrestato dai Carabinieri dopo alcuni controlli.

Il pastore viveva in un container fatiscente

I militari hanno ricostruito la giornata-tipo del pastore: 11 ore di lavoro per una paga misera, senza ferie né il diritto al riposo, ma anche con nessuna formazione sui rischi per la salute e la sicurezza. Il giovane riceveva una paga di 1,80 euro orari nonostante il contratto collettivo nazionale, per le stesse mansioni (mungitura, pascolo, pulizia) ne prevedesse almeno 10. I pochi soldi ricevuti erano inviati alla moglie e ai figli nel suo Paese d'origine. Il giovane viveva in un container fatiscente, assemblato con cabine di un camion, al cui interno vi era una cucina costituita da un fornello alimentato da una bombola a gas. Per espletare i bisogni utilizzava un pozzo, lo stesso adoperato dagli animali per bere. Secondo i militari, il datore di lavoro avrebbe rifiutato qualsiasi aumento di stipendio e approfittato dello stato di difficoltà della vittima per imporre le proprie condizioni. Per questa ragione, il 46enne è stato arrestato: per lui è scattata una sanzione complessiva da 60mila euro con la sospensione dell'attività produttiva. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Abbonamenti abusivi alla tv a pagamento, blitz in Italia e in Europa: scattano gli arresti, centrale anche a Bari

  • Omicidio a San Pio, proseguono le indagini sul delitto. Michele Ranieri cognato di Vincenzo Strisciuglio

  • Svaligiano appartamento di un'anziana, scatta l'inseguimento per le vie di Carrassi: presi due giovani

Torna su
BariToday è in caricamento