Clienti truffati con falsi investimenti e titoli bancari: pena ridotta in Appello per l'ex docente dell'Università

In primo grado Caterina Coco era stata condannata a a 5 anni e 5 mesi di carcere. Secondo l'accusa sono decine di casi di persone truffate nel periodo dal 1998 al 2012

Ridotta da 5 anni e 5 mesi a 3 anni e 11 mesi di carcere la pena per Caterina Coco, ex docente di materie finanziarie all’Università degli Studi di Bari. A deciderlo sono i giudici della Corte di Appello di Bari nell'ambito del processo sulle presunte truffe ai danni di risparmiatori e di esercizio abusivo dell'attività finanziaria. Secondo l’accusa la donna, nell’arco di circa quindici anni, dal 1998 al 2012, avrebbe intascato oltre 5 milioni di euro con la promessa di investimenti redditizi in falsi titoli bancari, spacciandosi per promotore finanziario senza averne l’abilitazione e truffando così decine di clienti che le avevano affidato i propri risparmi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Corte ha dichiarato il non doversi procedere per sette episodi di truffa aggravata perché prescritti, confermando però la condanna al risarcimento danni nei confronti di tutte le 32 parti civili costituite, come avvenuto in primo grado.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento