Clienti truffati con falsi investimenti e titoli bancari: pena ridotta in Appello per l'ex docente dell'Università

In primo grado Caterina Coco era stata condannata a a 5 anni e 5 mesi di carcere. Secondo l'accusa sono decine di casi di persone truffate nel periodo dal 1998 al 2012

Ridotta da 5 anni e 5 mesi a 3 anni e 11 mesi di carcere la pena per Caterina Coco, ex docente di materie finanziarie all’Università degli Studi di Bari. A deciderlo sono i giudici della Corte di Appello di Bari nell'ambito del processo sulle presunte truffe ai danni di risparmiatori e di esercizio abusivo dell'attività finanziaria. Secondo l’accusa la donna, nell’arco di circa quindici anni, dal 1998 al 2012, avrebbe intascato oltre 5 milioni di euro con la promessa di investimenti redditizi in falsi titoli bancari, spacciandosi per promotore finanziario senza averne l’abilitazione e truffando così decine di clienti che le avevano affidato i propri risparmi.

La Corte ha dichiarato il non doversi procedere per sette episodi di truffa aggravata perché prescritti, confermando però la condanna al risarcimento danni nei confronti di tutte le 32 parti civili costituite, come avvenuto in primo grado.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Finanza a Bari, raffica di arresti e sequestri: smantellato traffico di armi e droga dall'Albania

  • Grave incidente tra due auto: morti un uomo e una donna. Deceduto anche il loro cagnolino

  • Traffico di droga e armi dall'Albania, quindici arresti a Bari: i nomi

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • Fulmine colpisce aereo Ryanair, odissea per i passeggeri del Bari-Londra: partiti con 10 ore di ritardo

  • Le orecchiette di Bari vecchia finiscono sul New York Times: in prima pagina il "crimine della pasta"

Torna su
BariToday è in caricamento