Pesce senza etichetta, sequestri a Bari e Palo: sigilli a mezza tonnellata di prodotti

I controlli della Guardia Costiera in un esercizio commerciale e un ristorante giapponese, in cui sono state rilevate anche le cattive condizioni igieniche della cucina, che hanno portato ad una sanzione per violazioni amministrative di 17mila euro

Prodotti ittici senza etichetta, e dunque privi di qualsiasi informazione sulla loro provenienza, pronti ad essere distribuiti a ristoranti o sale ricevimenti, oppure a finire direttamente sulla tavola di ignari clienti. A scopire e sequestrare il pesce privo di tracciabilità, gli uomini  della Capitaneria di porto - Guardia Costiera di Bari, che venerdì scorso hanno posto i sigilli a circa mezza tonnellata di prodotti ittici, nel corso di un'operazione che ha riguardato un esercizio commerciale di Palo del Colle, e un noto ristorante giapponese del centro di Bari. 

L’operazione svolta nell’esercizio commerciale della provincia - spiega la Guardia Costiera - "ha evidenziato la facilità con la quale imprese, dedite all’attività di lavorazione del prodotto ittico destinato a ristoranti e pesce-2-10sale ricevimenti, commercializzino prodotti di provenienza sconosciuta, ovvero spacciati per freschi ma in realtà sottoposti a numerose fasi di congelamento, in danno della fiducia riposta da ristoratori e clienti sull’autentica genuinità e freschezza del prodotto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda invece il controllo nel ristorante di Bari, gli ispettori hanno dovuto rilevare anche le condizioni "di sporcizia e fatiscenza all’interno del locale cucina", tali da rendere necessario l’ausilio del personale veterinario e del servizio di prevenzione della locale ASL che, congiuntamente alla Guardia Costiera, ha constatato e contestato illeciti e violazioni amministrative per un ammontare di circa 17mila euro. I prodotti alimentari rinvenuti, sia carne che pesce, sono stati sequestrati, mentre altri accertamenti "saranno svolti d’ufficio dal personale intervenuto al fine di evitare ulteriori criticità".

LE PRECISAZIONI DEI GESTORI DEI RISTORANTI TAKU E SHODAI: "NOI NON COINVOLTI"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Al ristorante e in auto, stop al distanziamento per congiunti e 'frequentatori abituali': la Regione allenta le restrizioni

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Due monopattini del servizio sharing rubati e recuperati dalla polizia: uno rintracciato in tempo reale grazie al segnale gps

Torna su
BariToday è in caricamento