Pesce senza etichetta, sequestri a Bari e Palo: sigilli a mezza tonnellata di prodotti

I controlli della Guardia Costiera in un esercizio commerciale e un ristorante giapponese, in cui sono state rilevate anche le cattive condizioni igieniche della cucina, che hanno portato ad una sanzione per violazioni amministrative di 17mila euro

Prodotti ittici senza etichetta, e dunque privi di qualsiasi informazione sulla loro provenienza, pronti ad essere distribuiti a ristoranti o sale ricevimenti, oppure a finire direttamente sulla tavola di ignari clienti. A scopire e sequestrare il pesce privo di tracciabilità, gli uomini  della Capitaneria di porto - Guardia Costiera di Bari, che venerdì scorso hanno posto i sigilli a circa mezza tonnellata di prodotti ittici, nel corso di un'operazione che ha riguardato un esercizio commerciale di Palo del Colle, e un noto ristorante giapponese del centro di Bari. 

L’operazione svolta nell’esercizio commerciale della provincia - spiega la Guardia Costiera - "ha evidenziato la facilità con la quale imprese, dedite all’attività di lavorazione del prodotto ittico destinato a ristoranti e pesce-2-10sale ricevimenti, commercializzino prodotti di provenienza sconosciuta, ovvero spacciati per freschi ma in realtà sottoposti a numerose fasi di congelamento, in danno della fiducia riposta da ristoratori e clienti sull’autentica genuinità e freschezza del prodotto". 

Per quanto riguarda invece il controllo nel ristorante di Bari, gli ispettori hanno dovuto rilevare anche le condizioni "di sporcizia e fatiscenza all’interno del locale cucina", tali da rendere necessario l’ausilio del personale veterinario e del servizio di prevenzione della locale ASL che, congiuntamente alla Guardia Costiera, ha constatato e contestato illeciti e violazioni amministrative per un ammontare di circa 17mila euro. I prodotti alimentari rinvenuti, sia carne che pesce, sono stati sequestrati, mentre altri accertamenti "saranno svolti d’ufficio dal personale intervenuto al fine di evitare ulteriori criticità".

LE PRECISAZIONI DEI GESTORI DEI RISTORANTI TAKU E SHODAI: "NOI NON COINVOLTI"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aggualto a colpi di pistola tra i vicoli di Triggiano: pregiudicato 36enne ferito

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • "Dove si colloca l'Iran nel globo?" E gli americani indicano la Puglia: i risultati (tutti da ridere) del sondaggio

  • Chiude un altro negozio storico in città: addio a Ventrelli, al suo posto nascerà un casinò

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Pos obbligatorio dal 2020 per tutti i commercianti italiani: come e quando munirsi per i pagamenti

Torna su
BariToday è in caricamento