Piazza Risorgimento, la fontana deturpata dai vandali

Il monumento del quartiere Libertà sfregiato da disegni con i pennarelli indelebili (dai cuoricini ai simboli fallici) e scritte di ogni tipo, anche appellativi tipicamente baresi. E' così ormai da tempo, ma a chi tocca intervenire?

Nell’epoca preistorica, uomini e donne segnavano sui muri la loro presenza disegnando ciò che accadeva. Oggi, a distanza di milioni di anni, la situazione non cambia. Da habilis siamo diventati sapiens, questo è vero, ma l’abitudine di scrivere sui muri non è morta, siamo solo più moderni. Alle semplici pareti degli edifici, si preferiscono i monumenti che, se centrali e in bella vista, permettono di ‘comunicare meglio’. Un po’ come accade in piazza Risorgimento, al quartiere Libertà, dove la fontana centrale, oltre a essere diventata ricettacolo di rifiuti, è una vera e propria ‘opera d’arte contemporanea’, ironicamente parlando.

Sulla base del monumento, ecco il gioco del tris (un po’ dome quello dei Nove che si trasmetteva negli anni Novanta in tv), cuoricini e dediche d’amore. Quest’ultime, poi, compaiono anche nelle vasche di raccolta acqua, acqua che, per altro, non c’è e forse non c’è mai stata. E poi, ecco i disegni osceni, con simboli fallici (beh, dopotutto ci sono anche sui muri di Pompei – ironizziamo ancora, non si può fare altro), e dediche ad amici che non ci sono molto simpatici, con appellativi tipicamente baresi. Sopra, ancora, in vetta alla fontana, scritte occultate dall’inchiostro nero e blu delle bombolette spray.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



E anche il resto della piazza, inaugurata a luglio 2009 dopo due anni di riqualificazione, non se la passa tanto bene: panchine e pali della pubblica illuminazione sono segnate in maniera definitiva alla stregua della fontana centrale.

Insomma, di chi è la colpa? Dei ragazzini che imbrattano (forse quelli che escono dalla scuola Garibaldi) o dei vigili urbani che, nonostante abbiano la propria garitta proprio sulla piazza, davanti alla fontana, non hanno preso provvedimenti? Certo, le scritte possono essere state fatte anche di notte, questo è vero, ma almeno una segnalazione a chi cura la manutenzione, sarebbe dovuta arrivare. E invece, considerando che sono mesi che il monumento verte in questa situazione, pare proprio che non siano stati presi provvedimenti per cancellare le scritte. Ci chiediamo: perché il quartiere deve essere colpito da questo tipo di incuria?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

Torna su
BariToday è in caricamento