Pipì, rifiuti e degrado: piazza Umberto "irriconoscibile" e "abbandonata"

Ennesima denuncia del comitato sullo stato di incuria in cui versa lo storico giardino del murattiano. Ombrelli, scarpe e cartoni gettati nelle aiuole ma anche bisogni espletati all'aria aperta

E' diventata "meta preferita di devastatori e maleducati" dove "si sporca e si fanno i bisogni a tutte le ore".Il Comitato di piazza Umberto denuncia nuovamente, a distanza di alcune settimane, la situazione di degrado nel giardino. Non solo immondizia ma anche ombrelli, scarpe e altri rifiuti sparsi tra alberi e aiuole. L'associazione ha pubblicato una vera e propria 'gallery dello squallore', chiedendo interventi senza aspettare il termine del cantiere per la ristrutturazione di via Sparano: "E' una piazza irriconoscibile - affermano gli attivisti - e con un fetore di pipi insopportabile soprattutto agli angoli della Palazzina storica restaurata. Nell'indifferenza piu' totale, inoltre, il giardino si conferma zona preferita per un mercatino abusivo". Un "biglietto da visita" non esaltante per una delle zone storiche e più importanti della città.

Potrebbe interessarti

  • Abitano tra le vostre lenzuola, lo sapevate? Sono gli acari della polvere

  • Puntura di medusa: cosa fare e...cosa non fare

  • Come pulire il vetro del forno: i consigli per eliminare lo sporco ostinato

  • Piscine all'aperto a Bari e dintorni: quali e dove sono

I più letti della settimana

  • Moto prende fuoco dopo l'impatto con un'auto: giovane centauro muore sulla Statale 16

  • Schianto in Tangenziale, almeno un ferito: auto si ribalta, coinvolto pulmino. Traffico in tilt e rallentamenti

  • Morto dopo scontro auto-moto sulla statale 16, sui social il dolore per Fabio: "Eri speciale, ora sei il nostro angelo"

  • "Mio figlio pestato in spiaggia", l'appello di un papà sui social: "Chi sa qualcosa ci aiuti"

  • Giornata da incubo sulla statale 16: auto fuori strada in direzione nord

  • Schianto sulla ex provinciale 54 vicino al Nuovo San Paolo: auto sul guardrail, un morto

Torna su
BariToday è in caricamento