Fiocco rosa al Di Venere: è Angelica la prima bambina nata a Bari nel 2016

Primo parto dell'anno nel nosocomio di Carbonara, alle 00.35. Fiocchi rosa anche nel principale ospedale cittadino: la prima a nascere è stata Anna Rita, alle 2.35.

E' una bimba la prima nata del 2016 a Bari: si tratta della piccola Angelica, venuta alla luce, nell'ospedale Di Venere alle 00.35. E' stata una notte di Capodanno intensa per i medici del nosocomio di Carbonara, con ben 3 parti nelle prime 2 ore (dopo Angelica sono nati altri due maschietti all'1.32 e alle 2.05)

Al Policlinico, invece, la prima nata è Anna Rita, venuta alla luce nella sala parto del nosocomio barese alle 2.35. Ieri, giornata ricca di nascite nel principale ospedale del capoluogo: ben 6 i parti effettuati con successo dall'equipe medica del reparto di Ostetricia. La prevalenza è andata ai fiocchi rosa: femminucce, infatti, battono maschietti per 4 a 2.

*Aggiornamento 2 gennaio 2016, ore 9.12

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Auto colpisce Apecar a bordo strada su viale Tatarella, ferito gravemente un ragazzo

    • Cronaca

      'Earth hour', per un'ora piazza del Ferrarese spegne le luci contro il cambiamento climatico

    • Sport

      Bari-Novara 0-0: la reazione biancorossa sbatte contro i pali e le parate di Da Costa

    • Cronaca

      Ceglie, gli attivisti del M5s 'spazzini' per un giorno: ripulita dai rifiuti l'Aia di Cristo

    I più letti della settimana

    • Gratta un 'Miliardario' e vince 500mila euro: jackpot al San Paolo

    • Capurso, scomparsa una 18enne barese

    • Auto si ribalta e finisce contro muretto: muore pensionato, ferita la figlia

    • Conti, auto e un bar: sequestrati beni per 3 milioni di euro a pregiudicato

    • Prodotti caseari con latte straniero e senza l'indicazione di origine, maxi sequestro nel Barese

    • Modugno, anziano disabile si uccide dandosi fuoco: il corpo rinvenuto in un'auto

    Torna su
    BariToday è in caricamento