Polignano, la poesia scritta sulle scale cancellata "per rabbia" dall'autore

A rivelare il retroscena è il sindaco della cittadina barese, Domenico Vitto, che ha incontrato l'artista Guido 'il Flâneur' Lupori, ideatore dell'opera immortalata in numerosi scatti di turisti e visitatori

Nessun'azione dei proprietari del palazzo, bensì un gesto del suo autore: la celebre scritta sulla scalinata del centro storico di Polignano, raffigurante una poesia del filosofo indiano Tagore, recentemente immortalata nei numerosi scatti di turisti e visitatori, è stata cancellata, qualche giorno fa, proprio da Guido 'il Flâneur' Lupori, colui che l'aveva realizzata alcuni anni fa. A svelare il 'mistero' è stato il sindaco della cittadina barese, Domenico Vitto, che ha incontrato il poeta e artista a colazione: "È stato Guido a cancellare la sua opera, - scrive su Facebook -,  una scelta dettata dalla rabbia, ma non indolore. Il proprietario è stato il primo a dispiacersi. E a me dispiace di aver manifestato il mio disappunto senza pensarci due volte, senza verificare le fonti. Guido mi ha promesso che tornerà presto a lasciare il segno, imprevedibile come sempre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Violenta rissa a Bari, volano calci e pugni in strada: arrestati studente universitario e due trentenni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

Torna su
BariToday è in caricamento