Nubifragio a Polignano, fiume di detriti sulle luminarie natalizie di Lama Monachile

La pioggia ha provocato problemi a causa dell'afflusso di un'ondata marrone che si è riversata nella celebre piccola baia simbolo della città barese, dover erano state piazzate le luci delle Feste

L'avvertimento di ieri dei geologi si è tramutato in realtà: è bastato un temporale per provocare l'accumulo dei detriti in mare scaricati dalla lama Monachile di Polignano, dove erano state collocate le luminarie natalizie. Il nubifragio abbattutosi sulla cittadina barese, questo pomeriggio, ha provocato l'afflusso di un fiume marrone che si è riersato proprio nella lama. Le luminarie di Meraviglioso Natale non sarebbero state trascinate in mare. Altre sono state risparmiate dalla portata, per fortuna non troppo elevata, del fiume di detriti. Solo ieri, la Società Italiana di geologia Ambientale (Sigea), aveva lanciato l'allarme sulla possibilità che una forte pioggia potesse danneggiare le installazioni, costituendo un pericolo per i visitatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Vento forte e rischio temporali, maltempo in arrivo anche sul Barese

Torna su
BariToday è in caricamento