Ponte asse nord-sud, sarà hi-tech. Decaro: "Illuminato con led bianchi e rossi"

Il sindaco presenta in Comune il progetto in collaborazione con iGuzzini e Acmei, a costo zero per Palazzo di Città: "Risparmio sulla manutenzione e minor consumo energetico. Sarà il primo in Italia con l'innovativo sistema"

Migliaia di luci a led bianche e rosse, a rendere ancor più scenografica e, se possibile, 'barese', un'opera di importanza strategica per città: il ponte sull'Asse Nord-Sud, il cui completamento è previsto tra 12 mesi, avrà un'illuminazione speciale, presentata questa mattina in Comune.

Il sindaco Antonio Decaro ha illustrato l'interessante proposta firmata iGuzzini, in collaborazione con Acmei: "Si tratta di due aziende - spiega il primo cittadino - che si sono messe insieme e hanno deciso di investire su Bari. La proposta prevede un sistema a Led dai colori bianco rossi Grazie a questo progetto, l'asse nord-sud, può diventare il primo asse viario interamente illuminato a Led, che comporterà un forte risparmio sia sulla manutenzione che per quanto riguarda il consumo energetico". 

"Per noi  - ha proseguito il sindaco - è un grande onore avere due importanti aziende italiane che decidono di investire sulla città di Bari. Vista l’importanza economica dell’intervento richiesto alle aziende, sarà necessario nelle prossime settimane avviare una procedura di selezione pubblica aperta a tutte le aziende del settore presenti sul mercato, che potranno presentare la loro proposta secondo le modalità previste del regolamento delle sponsorizzazioni, già attivo nel Comune di Bari".

Il progetto si svilupperà inizialmente con l’illuminazione delle due rotatorie agli estremi dell’asse stradale su cui ricade il ponte attraverso 14 proiettori led montati su pali curvi alti 8 metri, e quindi delle carreggiate stradali con 84 proiettori led analoghi a quelli delle rotatorie, delle barriere antirumore in plexiglass rosso con 2,5 chilometri di strisce luminose a led, dei piloni di sostegno della carreggiata con 80 proiettori a led (illuminazione dall’alto verso il basso), delle facciate del ponte con 140 apparecchi linealuce led (illuminazione dall’alto verso il basso), del pinnacolo centrale di sostegno degli stralli con altre 88 luci che potranno cambiare colore e l'installazione del relativo sistema di gestione.

"La nuova soluzione illuminotecnica proposta si completa, rispetto a quella originaria in appalto, che prevedeva solo l’illuminazione stradale e il faro sul pinnacolo, con l’illuminazione della barriera antirumore in plexiglass, i piloni e le facciate del ponte" ha affermato l'assessore comunale ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso "e non produrrà alcun condizionamento sulla durata dei lavori che, come ben evidente, stanno procedendo speditamente con un ulteriore varo di travi nei giorni scorsi"L'opera, per un investimento complessivo di 750mila euro, sarà a costo zero per le case di Palazzo di Città. In questi giorni, l'infrastruttura che terminerà in via Nazariantz, sta prendendo forma, con l'assemblaggio dei primi pezzi a comporre la futura carreggiata del ponte.

Potrebbe interessarti

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • 7 consigli per eliminare il cattivo odore delle ascelle

  • Animali domestici: le regole da rispettare se vivi in un condominio

I più letti della settimana

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Battiti Live a Bari, svelato il cast: ecco chi sarà sul palco per il gran finale

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

  • Assenteismo all'ospedale San Giacomo di Monopoli: scatta il blitz, 13 arresti e decine di indagati

Torna su
BariToday è in caricamento