Nove nomi per il ponte Asse Nord Sud, al via il sondaggio: "Si vota online"

Presentata la procedura che coinvolgerà i baresi nella scelta: le preferenze potranno essere espresse iscrivendosi al sito del Comune di Bari. 'Urne' chiuse il 15 dicembre

Nove nomi per dare un'identità forte e riconoscibile al Ponte per l'Asse Nord Sud: dopo la scelta preliminare effettuata dalla Commissione di esperti, toccherà al 'popolo sovrano' , attraverso internet, esprimersi e decidere come chiamare l'importante opera inaugurata lo scorso settembre alla presenza del premier Matteo Renzi. Questa mattina, a Palazzo di Città, il sindaco di Bari, Antonio Decaro, assieme ai componenti del gruppo di saggi, ha illustrato la rosa delle candidature e lanciato il concorso online. Basterà andare sul sito del Comune e cliccare sul banner in alto a destra 'Un nome per il ponte'. Registrandosi si potrà scegliere tra le nove proposte: 'Attilio Alto', 'Bona Sforza', 'Giuseppe Gimma', 'Ludovico Quaroni', 'delle Libertà', 'Adriatico', 'dei Popoli del Mediterraneo', 'Martiri di Cefalonia', '9 settembre 1943'. Il sondaggio, sarà aperto da oggi fino al 15 dicembre. Il giorno successivo saranno comunicati i risultati.

IL NOSTRO SONDAGGIO: CHE NOME SCEGLIERESTI PER IL NUOVO PONTE?

“Innanzitutto vorrei ringraziare i componenti della commissione per aver accettato la nostra richiesta di restringere ad un numero ragionevole la grande quantità di proposte che negli scorsi mesi tantissimi cittadini ci hanno inviato attraverso tutti gli strumenti utili - ha commentato Decaro - tra raccolte di firme, sondaggi online, proposte ufficiali, chiacchiere e anche qualche bufala da web. Questo significa che i baresi hanno deciso di partecipare a questa scelta perché si sono affezionati insieme a noi, giorno dopo giorno, al ponte sull’Asse nord-sud: un’opera straordinaria dal punto di vista ingegneristico, che ha una valenza strategica sul fronte dei trasporti e della viabilità cittadina ma che è anche diventato un simbolo importante dell’identità della nostra città in chiave moderna. I nove nomi che ci hanno consegnato i componenti della commissione, credo rappresentino una sintesi della storia cittadina, sia quella più recente sia quella più antica, che richiama allo sviluppo urbanistico della città, al prestigio delle nostre istituzioni universitarie e fa riferimento ad un insieme di valori nel quale la nostra comunità può riconoscersi". 

"Io non dichiarerò pubblicamente, in questo momento, la mia scelta -  ha aggiunto - perché vorrei evitare di 'personalizzare il voto' come è accaduto a livello nazionale sul referendum. Non vorrei che i cittadini fossero influenzati dalla mia opinione e dall’idea che hanno di me. So già che, anche questa volta, non mancheranno le diatribe e le opposte fazioni, come accadde già in vista dei mondiali del ’90, quando fu lanciata una consultazione popolare per il nome dell’astronave di Renzo Piano (Azzurro, del Levante, Mediterraneo, San Nicola e Degli ulivi). Anche allora la scelta fu accompagnata da uno strascico di polemiche, come è normale che sia quando i cittadini sentono proprio un bene della città". 

“Da questa mattina sul sito del Comune è stato pubblicato un banner che guiderà i cittadini che vorranno votare il nome prescelto per intitolare il ponte sull’Asse nord-sud - ha spiegato l'assessore comunale alla Toponomastica,  Angelo Tomasicchio -. Grazie all’utilizzo del web e del sondaggio online sul sito istituzionale, i voti espressi saranno unici e trasparenti. Per questo abbiamo previsto la registrazione unica al sito del Comune per evitare che il sondaggio venga in qualche modo alterato. Ci sarà tempo fino al 15 dicembre e accanto ad ogni nominativo si potrà leggere una didascalia esplicativa che possa servire a tutti noi per conoscere qualche dettaglio in più della storia della nostra città e degli uomini e delle donne che ne hanno fatto parte. Questa è una sperimentazione di quella che noi chiamiamo “democrazia digitale partecipata” attraverso cui i cittadini con un clic possono partecipare responsabilmente ed effettivamente alle decisioni dell’amministrazione”.

La commissione ha infine spiegato le ragioni della scelta della 'rosa' dei 9 nomi': “Nell’indicazione - ha affermato il soprintendente Luigi Larocca - delle scelte per la rosa finale abbiamo tenuto conto anche del valore di questa occasione per permettere a tanti di imparare e conoscere dettagli e fatti storici che hanno contribuito, nel corso degli anni, a consegnarci la Bari in cui viviamo oggi. Ci auguriamo che, al di là della scelta dei cittadini rispetto al nome del Ponte, tutti i nomi elencati siano in qualche modo oggetto di approfondimenti e valorizzazione”. 

Potrebbe interessarti

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • 7 consigli per eliminare il cattivo odore delle ascelle

  • Animali domestici: le regole da rispettare se vivi in un condominio

I più letti della settimana

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Battiti Live a Bari, svelato il cast: ecco chi sarà sul palco per il gran finale

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

  • Assenteismo all'ospedale San Giacomo di Monopoli: scatta il blitz, 13 arresti e decine di indagati

Torna su
BariToday è in caricamento