Il porta a porta 'cambia' Palese, Petruzzelli: "Presto raccolta estesa a tutto il Municipio V"

Prime giornate del nuovo sistema tra opinioni contrastanti e abitudini cambiate. Già spedite le prime lettere per l'allargamento del servizio a Palese 'alta', San Pio e Catino

I nuovi bidoncini destinati alle attività commerciali: sono gli unici rimasti per le strade del quartiere

Le giornate d'estate a Palese sono scandite dal mare e dalle consuetudini, tra spiaggia, spesa, pranzi e siesta pomeridiana, prima dell'uscita serale. Un ciclo abituale per un luogo visitato da tanti turisti che si mischiano ai residenti. Questa parte d'estate, però, ha portato una novità non indifferente: via i cassonetti stradali, spazio al nuovo servizio di raccolta rifiuti porta a porta. Il quartiere, infatti, dopo Santo Spirito, ha 'abbracciato' il sistema da venerdì scorso quando sono stati tolti i bidoni nella zona compresa tra la ferrovia e il mare.

Residenti e turisti, opinioni contrastanti

Mezza Palese, dunque, si sta già abituando, non senza difficoltà, ai nuovi bidoncini. Tra i residenti e i negozianti le opinioni si intrecciano: "Trovo il sistema molto più comodo - racconta una coppia di abitanti - le strade sono più pulite. Servirebbe però un'accortezza maggiore per il ritiro notturno". Nella lista dei problemi segnalati, infatti, traspare la necessità di migliorare gli orari in cui gli addetti Amiu passano a raccogliere i rifiuti: "Mi è capitato - spiega un'altra residente - di vedere l'organico raccolto in pieno giorno. Spero non accada ancora, poiché la puzza diventa  insostenibile". Le abitudini sono cambiate anche per i commercianti, costretti ad adattarsi fin da subito: "Non è facile - raccontano i dipendenti di una caffetteria - soprattutto quando abbiamo molti clienti da servire. Secondo noi andrebbero messi anche altri cestini".

Il Comune, in ogni caso, è soddisfatto dei primi risultati ottenuti a Palese. Ad esprimersi è l'assessore cittadino all'Ambiente, Pietro Petruzzelli:

"Quando si cambiano le abitudini non è mai facile ma possiamo dire che la partenza è stata positiva. I ritardi sono fisiologici all'inizio."

Il riferimento è a qualche piccolo disgiudo nella raccolta: "La frazione dell'organico - aggiunge - è stata ritirata al massimo nel pomeriggio e nei prossimi giorni migliorerà la rapidità degli addetti alla raccolta. La partenza è stata migliore rispetto a Santo Spirito perché abbiamo istruito al meglio gli operatori sulle strade e le zone da coprire". Il porta a porta, però, non si ferma.

Il servizio si allarga a Palese 'alta', San Pio e Catino

Sono già state spedite le prime lettere per il ritiro delle pattumelle a cittadini e commercianti della restante parte di Palese, di Catino e di San Pio: "Contiamo, forse a inizio settembre, di avviare il servizio anche lì - aggiunge Petruzzelli - chiudendo così il passaggio per quanto riguarda il Municipio V. Abbiamo voluto iniziare da qui perché le percentuali di differenziata erano tra le più alte della città". L'Amiu, inoltre, sta già cominciando a elaborare i piani per l'estensione al San Paolo e nel quartiere Stanic, dopo che, ovviamente, sarà stata coperta (entro l'anno) tutta la zona di sperimentazione con San Girolamo, Fesca e San Cataldo. Nonostante siano passate diverse settimane dall'introduzione del sistema, restano però alcune centinaia di utenze senza il kit: "Faccio un ultimo appello bonario - aggiunge l'assessore - per ritirare i bidoncini nell'ufficio di via Fiume 8/D a Santo Spirito, aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30  e il sabato solo la mattina. Non è escluso che in futuro si possa far intervenire la Polizia Municipale, seppur si stratti di una percentuale decisamente minima di persone che, per un motivo o un altro, non hanno ancora ritirato il kit".

Potrebbe interessarti

  • Abitano tra le vostre lenzuola, lo sapevate? Sono gli acari della polvere

  • Estate 2019 tra cibo e cultura: sagre, festival e manifestazioni di Bari e provincia

  • Come pulire il vetro del forno: i consigli per eliminare lo sporco ostinato

  • Puntura di medusa: cosa fare e...cosa non fare

I più letti della settimana

  • Moto prende fuoco dopo l'impatto con un'auto: giovane centauro muore sulla Statale 16

  • Assalto armato a furgone portavalori sull'A14, scoperto il covo della banda: refurtiva recuperata, due arresti

  • Schianto sulla ex provinciale 54 vicino al Nuovo San Paolo: auto sul guardrail, un morto

  • Morto dopo scontro auto-moto sulla statale 16, sui social il dolore per Fabio: "Eri speciale, ora sei il nostro angelo"

  • Schianto in Tangenziale, almeno un ferito: auto si ribalta, coinvolto pulmino. Traffico in tilt e rallentamenti

  • Giornata da incubo sulla statale 16: auto fuori strada in direzione nord

Torna su
BariToday è in caricamento