Porta a porta a Fesca e San Girolamo, bilancio positivo per l'avvio: "In tre settimane differenziata al 78%"

Il nuovo servizio fa registrare percentuali in linea con quanto già accaduto in altre zone. E intanto il Comune pensa a multe più salate per i 'pendolari dei rifiuti'

L'avvio della raccolta rifiuti porta a porta? A San Girolamo, Fesca, San Cataldo e Villaggio Trieste ha fatto 'impennare' la percentuale di raccolta differenziata. A dirlo sono i dati diffusi dal Comune a tre settimane dall'avvio del nuovo sistema. La differenziata ha raggiunto il 78,13%, "in linea con quanto accaduto nelle altre zone della città dove il nuovo servizio è stato introdotto". A crescere soprattutto la raccolta delle frazioni di plastica e metalli, che raggiunge il 12,5% del totale, con 38.000 chilogrammi di rifiuti raccolti. Un dato che, per il Comune, testimonia "un grande impegno da parte dei cittadini che fanno registrare una raccolta di 6,20 kg per ogni nucleo familiare".

Il bilancio complessivo del porta a porta in città

Complessivamente - fa sapere il Comune nella zona “start up” del nuovo servizio, che interessa circa 50.000 persone, di cui 17.000 nuclei familiari, al 5 gennaio la raccolta differenziata si attesta all’80,54% determinando un aumento importante della produzione di rifiuti differenziati in tutta la città. Nel 2017, anche grazie al porta a porta, sono stati prodotti 6 milioni di chilogrammi in più di rifiuti differenziati fino a segnare il valore assoluto di 72 milioni di chilogrammi. "Questi dati sono un bell’incoraggiamento per cominciare il nuovo anno - dichiara l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli - e ci dicono che la strada intrapresa è quella giusta. Nei quartieri dove è partito il nuovo servizio l’impegno dei cittadini è il successo più importante per la nostra città che per anni ha tentennato sull’avvio di questo percorso. Presto i benefici del nuovo servizio appariranno evidenti anche per il resto della città".

La lotta ai pendolari dei rifiuti 

"L’unica nota stonata - prosegue Petruzzelli - è quella di non riuscire a monitorare il fenomeno della migrazione dei rifiuti come vorremmo e, nonostante i passi in avanti fatti sulla differenziazione dei rifiuti, la frazione dell’indifferenziato diminuisce solo di tre milioni di chilogrammi, segnale evidente che la città di Bari ad oggi è costretta a smaltire anche tanti rifiuti che arrivano dai Comuni limitrofi. Per questa ragione in queste settimane stiamo studiando un più efficace posizionamento delle fototrappole e un inasprimento delle sanzioni, anche in funzione della residenza di chi commette l'illecito. Stiamo valutando di far pagare di più ai residenti di altri Comuni che portano i rifiuti a Bari, perché questi comportamenti determinano costi di smaltimento più alti a carico dei cittadini baresi". 

Buste abbandonate e rifiuti 'fuori posto'

Tuttavia, negli stessi quartieri di recente avvio del porta a porta, continuano a registrarsi ancora alcuni problemi - come denunciato dai residenti soprattutto attraverso i social - in particolare a causa degli 'incivili' che non rispettano il calendario della differenziata, magari abbandonando i sacchetti per strada o in zone più isolate. Di recente, ad esempio, un problema simile è stato segnalato nella zona dello Stadio della Vittoria.

Potrebbe interessarti

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

  • ''La Uascèzze''

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

Torna su
BariToday è in caricamento