Porta Futuro, resi noti i primi dati: 85 persone assunte e nuove aziende coinvolte

Dopo quattro mesi di attività il job center ha registrato migliaia di iscritti. L'assessora Romano: "Gli 85 assunti ci incoraggiano ad andare avanti e a potenziare ulteriormente le attività del centro"

Dopo 4 mesi di attività del job center PortaFuturo è possibile stilare un primo bilancio sui risultati raggiunti grazie alle azioni e gli strumenti avviati sulle politiche di orientamento al lavoro.

Sin dalla sua apertura a Novembre sono moltissime le persone che hanno utilizzato i servizi di Porta Futuro: di queste 2291 si sono accreditate di persona alla piattaforma telematica e, grazie alla consulenza di professionisti del job center, hanno creato il proprio profilo professionale, strumento necessario per candidarsi alle offerte di lavoro disponibili sul portale.

Sul fronte dei datori di lavoro, sono state accreditate 33 nuove aziende che si sono aggiunte alle 190 già presenti che avevano dato la propria adesione al sistema attraverso il progetto Cantieri di Cittadinanza. In questi mesi, all’interno del job center, oltre ai colloqui individuali e ai percorsi di orientamento, sono stati organizzati quasi 100 seminari di approfondimento sui servizi di Porta futuro, sulla nuove norme previste dal Jobs act, sulla misura Garanzia giovani, nonché momenti formativi sulla compilazione dei curricula e sull’utilizzo del pc, incontri di sostegno a progetti di alternanza scuola-lavoro e incontri tra aziende e lavoratori. Durante i 4 mesi trascorsi, 7 sono stati i matching aziende/lavoratori organizzati, a cui hanno partecipato in totale 235 persone selezionate, nel corso dei quali sono stati incrociati i dati professionali degli utenti registrati con le caratteristiche richieste dalle aziende per le posizioni aperte.

“Dopo quattro mesi di attività sono state impiegate 85 persone, selezionate dalle aziende durante i sette incontri organizzati a Porta Futuro - ha commentato l’assessora alle Politiche del Lavoro Paola Romano -. Questo è un dato che ci incoraggia ad andare avanti e a potenziare ulteriormente le attività del centro. Dobbiamo lavorare ancora sull’aggregazione di aziende disponibili ad assumere e sulla formazione dei soggetti che risultano appartenere a categorie professionalmente deboli".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Pedonalizzazioni e locali del 'gusto'? Via Manzoni si divide tra passato e voglia di futuro

    • Cronaca

      Negozi, ciclabile e alberi, "così cambierà corso Italia": incontro tra Comune e Fal

    • Cronaca

      Spiagge baresi sporche, scatta il piano di pulizia dell'Amiu: in arrivo 300 cestini portarifiuti

    • Cronaca

      Pane e Pomodoro, revocato il divieto alla balneazione: "Ok le analisi dell'Arpa"

    I più letti della settimana

    • Controlli a tappeto nei distributori di benzina pugliesi: "Truffati gli automobilisti"

    • Pane e pomodoro, il vento distrugge il palco del concerto: due feriti

    • Si lancia dalla finestra della sua stanza, dramma alla "Casa dello studente" nel rione Libertà

    • Da Altamura a Cardiff con una 500 vintage: la pazza impresa di 4 ragazzi per la finale di Champions

    • Blackout nella notte in città: segnalazioni da Japigia a Poggiofranco

    • Fermato con la cocaina in macchina a Picone, in manette 41enne

    Torna su
    BariToday è in caricamento