Il progetto 'Bari social book' premiato in una convention a Napoli: "Ricevuti 80mila euro per potenziarlo"

A ritirare il finanziamento è stata l'assessore al Welfare, Francesca Bottalico, durante 'Libri e lettura per l’inclusione sociale', promossa dal Centro per il libro e la lettura del Mibact in collaborazione con NapoliCittaLibro

L'evento a Napoli

Continua ad essere premiato il progetto 'Bari social book: luoghi sociali per leggere', l'iniziativa dedicata al book crossing e alla promozione della lettura tra i più giovani del Comune di Bari. In mattinata il nuovo riconoscimento - nell'ambito del bando 'Città che legge' - arriva dalla Campania: l'assessore al Welfare, Francesca Bottalico, ha ricevuto una menzione nell'ambito della seconda convention nazionale 'Libri e lettura per l’inclusione sociale', promossa dal Cepell - Centro per il libro e la lettura del Mibact in collaborazione con NapoliCittaLibro.

Premiazione Bari Social Book 2-2

Il premio prevede anche un sostanzioso finanziamento: 80mila euro, che saranno utilizzati per ampliare gli orari di apertura dei 14 spazi sociali allestiti presso diverse realtà pubbliche e private in tutta la città, sostenere la nuova edizione del festival del libro sociale e di comunità e, infine, dar vita alla prima biblioteca itinerante per mare a bordo di una barca di 13 metri confiscata ai trafficanti.

Il progetto Bari Social Book

Bari Social Book coinvolge enti e istituzioni pubbliche e private, biblioteche, librerie, scuole, associazioni, soggetti non profit, strutture e servizi del welfare cittadino rivolti a minori e adulti, giovani e anziani, con l’obiettivo di costruire una città più solidale e attenta ai bisogni di tutte e tutti, rilanciando l’importanza della lettura come elemento di crescita personale e riscatto sociale, consapevolezza dei diritti di cittadinanza e promozione delle pari opportunità, leve per il cambiamento sociale e la crescita complessiva della comunità e del territorio.

Alla rete, promossa dall’assessorato al Welfare e dall’ufficio del Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza della Regione Puglia, aderiscono oltre 80 realtà pubbliche e private. Bari Social Book intende implementare una politica organica di sostegno all’educazione alla lettura, favorendo la crescita del benessere individuale e di comunità, facilitando la partecipazione e il protagonismo delle categorie più fragili e vulnerabili, attivando e valorizzando presidi di lettura popolare allestiti in luoghi di cura, socialità e accoglienza già strutturati e organizzati, come pure in spazi informali di comunità quali piazze, giardini e strade dei quartieri, anche in forma itinerante.

E a indicare la grandezza del progetto sono i numeri, raccolti dal suo avvio a maggio del 2016: 100 adulti e adolescenti coinvolti nei percorsi formativi per la gestione degli spazi sociali per leggere, più di 5000 libri donati da cittadini, 10.000 cittadini adulti e bambini coinvolti nel corso delle manifestazioni organizzate, quattro grandi eventi / progetti cittadini di animazione alla lettura, 14 spazi sociali per leggere inaugurati in città, due edizioni del Festival del Libro sociale e di comunità. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Schianto con la moto alla zona industriale: muore ragazzo di 17 anni, ferito l'amico

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

Torna su
BariToday è in caricamento