Processo Lama Balice, chiesto rinvio a giudizio per 11 persone

L'inchiesta coinvolge undici persone tra cui sei funzionari del Comune di Bari, indagati per abusi edilizi e frode in pubbliche forniture per la costruzione dei palazzi di Lama Balice, edificati in un'area sottoposta a vincolo per l'esistenza di specie protette

Si sono concluse ieri le ultime tre delle cinque indagini relative alla costruzione abusiva dei palazzi di Lama Balice, vicino l'aeroporto di Palese. Le cinque inchieste sono state unificate in un unico fascicolo e il pm inquirente Francesca Romana Pirrelli ha chiesto il rinvio a giudizio per gli undici indagati, cinque imprenditori e sei funzionari del Comune di Bari.

Il fascicolo riguarda i complessi "Sigma Sud", ancora sotto sequestro, degli imprenditori Pasquale e Francesco Rafaschieri, e "Vele al Vento" dei costruttori di Altamura Giovanni e Filippo Simone, e dell'imprenditore alberghiero barese Vito Vasile. I complessi, che avrebbero dovuto ospitare 300 appartamenti, un centro direzionale, negozi, pizzerie e sale cinematografiche, sarebbero però stati realizzati in una zona sottoposta a vincolo per la presenza di specie protette.

Un altro filone di indagine confluito nel fascicolo riguarda l'inchiesta denominata "cronoprogramma", sulla mancata costruzione di impianti sportivi, scuole e centri polifunzionali, in cui sono coinvolti i 6 funzionari comunali, Sigismondo Cellamare, Antonio Colaianni, Annamaria Curcuruto, Vito Nitti, Francesca Mallardi e Vincenza Palmiotto.

A processo ormai da mesi gli altri due fascicoli d'indagine: quello sul progetto della società Maestrale per la trasformazione dell'antica masseria Gironda Maselli in un resort di lusso, che conta 7 imputati per abusi edilizi e falso e quello su Edilsquadra, l'azienda che aveva realizzato lo scavo, con 5 imputati. Secondo l'accusa, in quella zona alla periferia di Bari, nei pressi dell'aeroporto, non potevano essere realizzati immobili, perché il piano regolatore prevede aree verdi.

L'udienza preliminare, davanti al gup del Tribunale di Bari Antonio Lovecchio, è stata fissata per il prossimo 30 settembre.

(Ansa)
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Week-end del 14 e 15 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Non paga il parcheggiatore abusivo al molo San Nicola, ragazza trova l'auto danneggiata: "Ora basta"

  • Immobili, imprese e pizzerie a Santo Spirito e Bitonto: confiscati beni a pregiudicato

Torna su
BariToday è in caricamento